L’immensa (e vuota) Arena Campovolo inaugurata su Rai Uno da Luciano Ligabue

Reggio Emilia, il rocker ha cantato per la prima volta il suo nuovo singolo e ha mostrato l’impianto da centomila posti immerso nel verde 

REGGIO EMILIA. «Siamo qui dove avremmo dovuto festeggiare con un grande concerto, concerto che faremo l’anno prossimo, ma volevo comunque farvi ascoltare la nuova canzone. Si intitola “La ragazza dei tuoi sogni”».



È con queste parole che Luciano Ligabue, in diretta ieri sera su Rai Uno, ha presentato all’Italia l’Arena Campovolo di Reggio Emilia.

«Sa chi sei, sa cosa vuoi, cosa hai dentro, quando è il momento», cantava il rocker. E intanto le telecamere mostravano la maestosità della nuova Rcf Arena, che doveva essere inaugurata proprio domani con il maxi concerto “30 Anni in un giorno” se non ci fosse stato il Coronavirus.



«Il concerto si farà l’anno prossimo», ha promesso lui dal palco, prima che la musica partisse. Ma i suoi fan lo sanno bene: il concerto (“30 Anni in un nuovo giorno”) è già sold out con centomila biglietti venduti. E forse altri tremila potranno andare a cantare a squarciagola sotto al palco: lo aveva annunciato Ferdinando Salzano, fondatore di Friends & Partners, nella conferenza stampa di presentazione dell’arena, diffondendo i dati degli ultimi sopralluoghi tecnici.

Le immagini andate in onda su Rai Uno, d’altra parte, hanno mostrato l’impianto in tutta la sua grandezza: con una capienza di oltre 100mila posti e un’area di quasi 200 ettari, la Rcf Arena – progettata da Iotti+Pavarani Architetti, Studio di architettura Guido Tassoni e Studio Lauro Sacchetti Associati – non ha eguali in Europa.

Un luogo da sempre caro a Ligabue, oggi trasformato e pronto a ospitare anche grandi eventi internazionali. E forse non è un caso che il Liga abbia deciso di presentare proprio ora, proprio su quel palco, “La ragazza dei tuoi sogni”. L’Arena Campovolo non è una ragazza, certo, ma di sogni gliene hanno dedicati tanti. E se è vero che “sono sempre i sogni a dar forma al mondo”... —

© RIPRODUZIONE RISERVATA