Contenuto riservato agli abbonati

Venti milioni della famiglia Bartoli per l’albergo diffuso di Canossa

La mappa dei quattro edifici e del bordo di Riverzata che verranno riqualificati pe trasformati in un albergo diffuso

Sono gli imprenditori di Reggio che stanno investendo in turismo e agricoltura di qualità. Ecco il progetto

CANOSSA. Un albergo diffuso, tra borghi, ex cascine coloniche, ex case religiose e rustici collocati tra il castello di Canossa e quello di Rossena. Fattorie agricole per la produzione di grani e frutti antichi, oliveti e vitigni, non solo nel territorio di Canossa, ma lungo quell’area pedecollinare della provincia reggiana che è tra le più belle dal punto di vista paesaggistico e meno attrezzate per il turismo. Questo sarà il futuro di quel pezzo di territorio.

Il progetto di trasformazione di Riverzana


E poi assieme ad altri dieci Comuni, appunto della fascia pedecollinare (oltre a Canossa, Albinea, Quattro Castella, Baiso, Carpineti, Scandiano, Castellarano, San Polo, Montecchio e Vezzano) l’obiettivo è dare gambe e contenuti a un patto forte tra pubblico e privato attraverso una fondazione e la creazione di un marchio di qualità. Ma questa è storia ancora da scrivere. Insomma, una strategia di sviluppo e trasformazione del territorio fino a ora inedita e che ha tre protagonisti: il sindaco di Canossa Luca Bolondi che nel nuovo piano strategico ha creduto fin dal 2017; l’architetto di Reggio Emilia Paolo Soragni, dello studio Arteas, che oltre ad essere l’autore dei progetti di riqualificazione a Canossa ha fatto uno studio approfondito sulle aree pedecollinari da inserire nel piano di trasformazione, e ultimo, certo non per importanza, la famiglia di imprenditori di Reggio Emilia «che ha deciso di investire – per dirla con le parole del sindaco – qualcosa come una ventina di milioni per la valorizzazione della terra nella quale vivono». Si tratta della famiglia Bartoli, proprietari dei terreni e degli immobili – Luisa, una delle figlie del capostipite Enzo, è amministratrice delle società – che attraverso la Antichi Poderi di Canossa s.r.l. e Canossa San Biagio s.r.l., partecipata anche dall’altro imprenditore reggiano Vasco Mazzieri, non ha avuto timore di scommettere, in tempo di Covid, su turismo, agricoltura, sviluppo di qualità.

L'exedificio colonico nei presi del parcheggio che avrà un ponto vendita di prodotti loclai, bar, ristorante, caffettera e camere


Ed è solo l’ultima frontiere, perché la famiglia Bartoli, dopo la cessione dell’industria di prodotti per case farmaceutiche di famiglia, la Ice, nel febbraio dell’anno scorso a un fondo americano di investimento per 700 milioni di euro, nel giugno scorso è arrivata in soccorso della Pallacanestro Reggiana con Veronica Bartoli, sorella di Luisa diventata presidente della Grissin Bon. Ma nella storia ancora da scrivere dello sviluppo di Canossa e dintorni c’è un quarto co-protagonista: la Diocesi di Reggio Emilia e dunque la parrocchia di San Biagio, che ha ceduto agli imprenditori reggiani l’ex casa del clero, distante poche decine di metri dal rudere del castello, in cambio dei lavori di ristrutturazione della chiesa «che stava crollando – spiega l’architetto Soragni – e i cui lavori sono ormai praticamente terminati».

Come potrebbero diventare l'ex case del clero e l'ex casa del curato


Ma andiamo con ordine. Cosa accadrà, dunque, nel territorio di Canossa, da qui a qualche tempo, con le cinque varianti recentemente adottate e in attesa di approvazione definitiva? Sulla scacchiera degli interventi di riqualificazione il “re” e la “regina” stanno nel borgo di Riverzana dove verranno realizzate una dozzina di camere, un agriturismo e una spa «con una capacità edificatoria – prosegue Soragni – che passa da 3.700 a 2.900 metri quadrati». Proprio ai piedi del castello di Canossa, di fianco al nuovo parcheggio, verrà abbattuto e ricostruito ex novo un edificio colonico (la cui superficie edificabile aumenterà) e che ospiterà un punto vendita di prodotti locali, un ristorante e un bar caffetteria e camere.

«Questo per dare modo ai circa 30.000 turisti che ogni anno salgono al castello e fanno base al parcheggio – spiega l’architetto – di poter trovare un punto di ristoro e eventualmente acquistare le specialità locali». Si passa poi di fianco alla chiesetta di San Biagio con la trasformazione dell’ex casa del clero (ceduta dalla Diocesi) e della ex casa del curato, la prima da restaurare in parte e in parte da ricostruire per essere trasformata in un centro congressi e la seconda da abbattere e ricostruire per realizzare tra le 6 e le 8 camere da affittare. Ultimo tassello: il rustico nei del castello di Rossena, da trasformare in una piccola struttura ricettiva con 2 camere. E il gioco è fatto.