Lavori a Castello di Querciola.Contro le frane 410mila euro

Ruspe in montagna per riparare le frane

Viano, approvati i progetti esecutivi per intervenire a monte e a valle dell’abitato Il sindaco Nello Borghi: «Opere necessarie per la tenuta del territorio»

VIANO. Sono stati approvati nei giorni scorsi dalla giunta di Viano i tre progetti esecutivi finalizzati alla messa in sicurezza, dal punto di vista idro-geologico, di Castello di Querciola, dopo che il maltempo del novembre 2019 ha messo in movimento alcuni fenomeni franosi già esistenti. I lavori possono contare su un importante finanziamento stanziato dalla Protezione civile regionale: complessivamente si parla di 410mila euro.

«Un importo significativo – commenta il sindaco di Viano, Nello Borghi – per intervenire su frane che gravano sul nostro territorio e che di fatto accerchiano la zona di Castello di Querciola. Ragione per cui si tratta di interventi davvero necessari, di consolidamento e ripristino di fenomeni che altrimenti finirebbero per isolare la località, che è storicamente molto importante dal punto di vista turistico. Ricordiamo, infatti, che qui nell’ex canonica, è ospitato un famoso affresco di Lelio Orsi». «Per questo, voglio ringraziare per le risorse che sono state stanziate la Regione Emilia-Romagna e la protezione civile – conclude – che dimostrano un forte interesse per la tenuta del territorio, il quale presenta purtroppo forti criticità e debolezze dal punto della tenuta idrogeologica».


I progetti a essere approvati riguardano la strada comunale Viano-Mamorra-Castello di Querciola-Cervara, per il ripristino della viabilità. Per questo tratto sono stanziati 150mila euro che serviranno alla modifica della pendenza del movimento con la correzione del profilo della frana mediante la realizzazione di tre gabbionate alte tre metri e lunghe 25, la realizzazione di una gabbionata poggiata su pali trivellati della profondità di 5 metri con due ordini di gabbioni a sostegno della strada comunale, nonché con la ricostruzione della banchina, quindi la pulizia dell’alberatura con la creazione di fossi laterali.

In località Campovolo verranno investiti altri 150mila euro: nella parte a valle dell’abitato, anche qui per la correzione del profili di frana, saranno realizzati tre gabbioni alti due metri per 35 metri di lunghezza; a valle della strada comunale dove scorre il rio Fagiano si effettuerà un’opera di ripulitura della vegetazione che ostruisce il regolare deflusso delle acque. Per quanto riguarda, invece, la zona di Cervara i lavori, da 110mila euro, prevedono la realizzazione di una gabbionata in corrispondenza del centro abitato su pali trivallati di sei metri d’altezza con due ordini di gabbioni a sostegno della viabilità comunale che collega Viano con Regnano e Casina.

Inoltre, verrà costruita a monte la strada di drenaggio in cunetta allo scopo di raccogliere le acque freatiche. Sopra, verrà realizzata una cunetta alla francese per la raccolta delle acque superficiali.In questi giorni, l’iter prevede l’affidamento dei lavori che dovrebbero iniziare tra settembre e ottobre.