Contenuto riservato agli abbonati

I lupi sbranano una vacca adulta. «Ora abbiamo paura»

Castelnovo Monti, l’incursione è avvenuta  di notte nell’azienda agricola Roncadelli di Monchio. Il titolare: «E’ la prima volta che assalgono bestie adulte»

CASTELNOVO MONTI. Non sono rari gli attacchi da parte dei lupi ad animali domestici nella fascia dalla collina al crinale appenninico negli ultimi anni, ma è raro che i predatori si azzardino ad attaccare un bovino adulto. Invece è quanto è successo venerdì notte all'azienda agricola Roncadelli di Nicolò Zanelli, in località Monchio. Spiega Zanelli: «Avevamo messo in un recinto una vacca che aveva partorito il giorno stesso, venerdì, e la notte abbiamo sentito dei muggiti disperati. Siamo corsi al recinto, e abbiamo sicuramente messo in fuga più lupi, perché non ne abbiamo visti, ma la vacca era in condizioni molto gravi. La mattina dopo abbiamo chiamato il veterinario, che per alleviarle le sofferenze ha dovuto sopprimerla. Ci ha confermato che è piuttosto raro un attacco a un bovino adulto».

«Per quanto ci riguarda – rposegue – è la prima volta che abbiamo problemi con i lupi, eppure altre volte abbiamo lasciato dei capi libera in quello stesso recinto. Ieri sera (lunedì, ndr) vicino a Monchio sono stati avvistati alcuni lupi: probabilmente tornavano per vedere se ci fossero ancora resti o animali da mangiare, sembra che sia un comportamento abituale tornare nei luoghi dove ci sono state predazioni. Adesso siamo un po' preoccupati, vedremo se torneranno ancora».


L'azienda agricola Roncadelli conta una settantina di capi. In passato le predazioni dei lupi erano state assai numerose sul crinale, in particolare a danno di pecore e capre. Poi man mano i pastori si sono attrezzati con appositi recinti anti lupo e ricoveri per le bestie, anche grazie alla consulenza del Parco nazionale, e questo tipo di predazioni si è ridotto. Principalmente i lupi si concentrano sulla fauna selvatica, presente in abbondanza nei boschi appenninici.