Contenuto riservato agli abbonati

Addio a Sergio Bertani ex segretario di Cmr: «Uomo generoso»

Si è spento all’età di 80 anni Sergio Bertani, segretario fino al 2012 della Cooperativa Muratori di Reggiolo

Reggiolo, Albinelli: «Non si dava pace del dissesto della cooperativa» I figli: «Ha dedicato tutta la vita al lavoro e alla famiglia»

REGGIOLO. Si è spento all’età di 80 anni Sergio Bertani, segretario fino al 2012 della Cooperativa Muratori di Reggiolo. Lunedì 3 alle 9, alla camera ardente del cimitero di Coviolo si svolgerà una breve benedizione prima del rito della cremazione.Sergio Bertani abitava ad Albinea, ma tutta la vita lavorativa l’ha svolta a Reggiolo. Chi lo conosceva ricorda come il suo unico scopo fosse quello di far ripartire il sistema cooperativo, molto provato dai recenti fallimenti nel settore edile. Ci ha creduto fino al suo ultimo giorno di vita. Commosso il messaggio dei figli rivolto al loro papà: «Al di là che era nostro padre, è sempre stata una persona generosa ed altruista. Ha dedicato tutta la sua vita al lavoro e alla famiglia. Per lui non esisteva “io” c'era il “noi”».

Cordoglio è stato espresso ai familiari dall’assessore alla Ricostruzione post sisma di Reggiolo, Franco Albinelli: «Mi unisco alla condoglianze per la morte di Sergio Bertani. È stato una colonna della Cmr e l’ho visto soffrire tantissimo in questi anni per come si è chiusa la storia di questa cooperativa centenaria. Non se ne dava pace consapevole dei danni causati a tanti soci, spesso amici o colleghi. Ha sofferto molto per essere stato tradito da personaggi di cui si fidava e da una idea della cooperazione in cui credeva fin da ragazzo. Ha cercato in tutti i modi di verificare la cause suggerendo anche soluzioni purtroppo impraticabili». «Il dolore di questa vicenda della Cmr, lo ha accompagnato fino ad oggi con una grave ferita non rimarginata. È stata una persona buona che ha aiutato tanti reggiolesi disinteressatamente – aggiunge – purtroppo non è riuscito ad evitare o attenuare questo enorme dissesto finanziario che ha colpito molte famiglie di Reggiolo assumendosi anche responsabilità non a lui imputabili. Lo ricordo come una persona mite e disponibile con tutti e questo credo che possa bastare alla misericordia del buon Dio».


Bertani lascia la moglie Anna, due figli e quattro nipoti. La famiglia ha chiesto di non inviare fiori, ma di devolvere eventuali offerte alla Croce Verde di Reggio che svolge anche il servizio di onoranze funebri.