Due bancomat delle Poste fatti saltare a distanza di pochi minuti

Raid notturno dei ladri a Fabbrico e Novellara. Bottino ricco e danni igenti: a causa del'esplosione sono crollati i controsoffitti dei vani Atm. Indagano i carabinieri

FABBRICO E NOVELLARA. Doppio assalto ai bancomat delle poste di Fabbrico e Novellara nella notte tra giovedì 2 e venerdì 3 luglio. Gli allarmi sono scattati alle 23.35 in via Piave a Fabbrico e alle 23.55 in via Nazzario Sauro a Novellara. I ladri, probabilmente attraverso il congegno cosiddetto a “marmotta” (che si inserisce all'interno delle bocchetta dei soldi) collegato a un contatto elettrico, hanno fatto esplodere le postazioni Atm riuscendo ad asportare il danaro.

Un boottino ricco anche se le cariche esplosive collocate dai malviventi sono state talmente forti da far crollare, se pur parzialmente, il soffitto dei vani bancomat. Sul posto sono accorsi i carabinieri si Fabbrico, Novellara e Gustalla che dopo il sopraluogo hanno avviato le ricerche nel territorio della Bassa Reggiana e nelle zone che confinano con Modena senza però rintracciare la banda. In corso di quantificazione sia il denaro asportato dai bancomat sia i danni, ingenti, provocati alle strutture dalle esplosioni. I magistrati della procura delle Repubblica di Reggio Emilia hanno aperto un'inchiesta