Bimbo di 4 anni schiacciato dal cancello: è grave

Guastalla, ha riportato un trauma cranico-facciale. Ricoverato in Rianimazione a Parma con prognisi riservata, forse sarà operato 

GUASTALLA. Per giocare si è arrampicato sul cancello di casa che, all’improvviso, ha ceduto travolgendolo e schiacciandolo. Ora il bambino, di soli quattro anni, è ricoverato in prognosi riservata all’ospedale Maggiore di Parma. Il piccolo abita con i suoi genitori, di origine moldava, a San Martino di Guastalla. Fino a qualche mese fa la famiglia viveva a Viadana, in provincia di Mantova. Il drammatico infortunio è avvenuto sabato pomeriggio a San Martino di Guastalla: il piccolo stava giocando nel cortile dell’abitazione quando si è arrampicato sul cancello. Per cause che dovranno essere accertate, all’improvviso il cancello, del peso di circa un quintale, si è staccato dalla propria sede ed è caduto a terra, schiacciando il bambino.

Ad accorgersi di quanto è accaduto sono stati i famigliari, che hanno prestato soccorso al piccolo dopo avere rimosso la pesante cancellata. Gli stessi famigliari, a quanto risulta, non hanno allertato la centraole operativa del 118, ma hanno deciso di trasportare il bimbo direttamente al pronto soccorso dell’ospedale di Guastalla, distante pochi chilometri da Viadana. I medici guastallesi si sono subito resi conto della gravità della situazione, pertanto hanno fatto intervenire l’eliambulanza ,che ha trasferito il piccolo all’ospedale Maggiore di Parma, dov’è tutt’ora ricoverato per un grave trauma cranico-facciale. Probabilmente il bimbo dovrà essere sottoposto ad un intervento chirurgico.


Nella giornata di ieri il bambino era ricoverato in condizioni stazionarie nel reparto Rianimazione del Maggiore di Parma, con la prognosi riservata.Sull’episodio dovranno essere compiuti accertamenti finalizzati a fare luce sull’infortunio. In particolare, occorrerà chiarire come mai il cancello si sia staccato dalle proprie guide e sia caduto addosso al piccolo causandogli il grave trauma cranico-facciale.