Nasce un nuovo stabilimento per la ditta di imballaggi Bocedi

Il rendering del nuovo stabilimento a Pratissolo

Scandiano, a  Pratissolo la realizzazione del capannone di 6.000 metri quadrati dovrebbe terminare entro il prossimo autunno. Darà lavoro a decine di operai

SCANDIANO. Finalmente si ricomincia. E c’è chi, dopo la minaccia del Covid 19 che ci ha tenuto prigionieri per così tanto tempo, riesce finalmente a mettere in atto un coraggioso progetto di sviluppo industriale in terra reggiana. Riparte infatti, a Pratissolo, l’edificazione di un nuovo stabilimento voluto dalla Vfb Bocedi che, fra l’altro, darà nuova occupazione ad alcune decine di persone.L’iniziativa è dovuta ai quattro fratelli Fabrizio, Luca, Stefano e Cristian Bocedi che da un quarto di secolo sono alla guida di una azienda che è leader mondiale nella produzione dell’incappucciatore stretch hood.

Una competenza maturata sulle orme dei due fratelli Franco e Vittorio Bocedi che nel 1966 diedero vita, sulle colline di Regnano, ad una impresa produttrice di sistemi di imballaggio.Una idea azzeccata tanto che i loro prodotti sono stati gradualmente esportati in tutto il mondo. La crescita dell’attività ha vissuto una impennata soprattutto nel 2005 dopo la nascita della attuale sede collocata nella zona industriale di Chiozza; è qui che sono ora impegnati una sessantina di addetti. Ed ecco dunque la nuova sfida al futuro con il moderno impianto in allestimento a Pratissolo, una sede operativa tutta green che consentirà di accrescere la capacità produttiva e di portare ad un centinaio il numero dei lavoratori impegnati.



La edificazione dello stabilimento, che misurerà quasi 6.000 metri quadrati, è cominciata ad inizio d’anno e dovrebbe essere completata nel tardo autunno.Sarà un prezioso apporto all’economia locale dove vengono ricavate molte forniture di materiali e mano d’opera per il funzionamento dei macchinari.Ed è inoltre la conferma del radicato collegamento di questa famiglia con la terra di origine sempre amata dai fratelli Bocedi che hanno preso in carico la futura rotonda “città di Scandiano”, hanno contribuito alla realizzazione della pista ciclabile sulla statale e alla creazione di nuovi parcheggi. Da ricordare anche la creazione di una annuale borsa di studio presso l’Istituto Gobetti finalizzata a consentire studi all’estero.

L’impresa realizza prodotti per l’imballaggio di fine linea: incappucciati a cappuccio elastico, sistemi di termoretrazione, nastri trasportatori, reggitrici orizzontali e verticali, metti-sacco automatiche ed una moltitudine di accessori personalizzati. Elevate la modularità dei prodotti e l’engineering impiegato. In questo modo la Bocedi è in grado di servire imballaggi ai più svariati settori industriali.