Alla guida ubriaco e si schianta davanti alla farmacia, 60enne nei guai

Ora rischia una maxi multa fino a 10mila euro. Già ritirata la patente (con dieci punti in meno) e sequestrata l'auto

SAN POLO. Si è messo alla guida ubriaco rendendosi protagonista di un incidente, nel quale, per fortuna, non ha coinvolto altri ed è rimasto ferito solo lievemente, ma questo gli è costato il ritiro della patente e il sequestro dell’auto destinata alla confisca.
 
A finire così nei guai è stato un 60enne di Canossa che, qualche giorno fa, si è schiantato con l’auto nei pressi della farmacia di via Val d’Enza, la provincial 513. L’esito degli esami del sangue ha confermato che il tasso alcolemico nel suo sangue, al momento dello schianto, era oltre il doppio del limite consentito.
 
Alla guida della sua autovettura era finito fuoristrada andandosi a schiantare violentemente contro il marciapiede posto a margine della carreggiata. Uno schianto definito “spettacolare”, dagli stessi carabinieri, che, alla luce degli esiti degli esami ematici, hanno denunciato il 60enne con l'accusa di guida in stato d’ebbrezza. 
 
Con l’auto fuori controllo era, dapprima, andato a sbattere contro il marciapiede sul lato sinistro, poi era rimbalzato contro quello destro finendo la corsa in prossimità di una farmacia. Distrutta l’auto ma il conducente fortunatamente è rimasto pressoché illeso, con lievissime lesioni giudicate guaribili in un giorno. 
 
Ben più gravi le conseguenze amministrative e penali, oltre alla denuncia, il ritiro della patente di guida, la decurtazione di 10 punti dalla patente che ora rischia di vedersi revocata, e il sequestro per la successiva confisca dell’auto. Provvedimenti a cui seguirà, in caso di condanna penale, la maxi multa prevista sino a un massimo di oltre 10.000 euro.