Dalla Padana Tubi centomila euro per l'ospedale covid-19 di Guastalla

Il direttore dell'Ausl Fausto Nicolini: "Rappresenta un incoraggiamento formidabile sapere che il mondo dell’imprenditoria e la cittadinanza hanno presente il valore della sanità pubblica e dei suoi operatori"

GUASTALLA. Emergenza, spesso, fa rima con solidarietà. Lo conferma l’azienda Padana Tubi di Guastalla che, in questo momento così difficile, ha donato all’Azienda Usl di Reggio Emilia la somma di 100.000 euro per rafforzare la risposta all’attuale fase di emergenza dovuta alla diffusione del Covid-19.

Con questo contributo Padana Tubi ha inteso dare un concreto segnale di supporto all’operato di medici, infermieri e di tutto il personale ospedaliero in un momento che vede le strutture sanitarie impegnate in prima linea per la salute dei singoli pazienti e dell’intera comunità.

"Rappresenta un incoraggiamento formidabile, in questa situazione di emergenza, sapere che il mondo dell’imprenditoria e la cittadinanza hanno presente il valore della sanità pubblica e dei suoi operatori - ha dichiarato, nel ringraziare la famiglia Alfieri, titolare dell’azienda, il direttore generale dell'Ausl Fausto Nicolini - D’accordo con i donatori, destineremo la somma all’acquisto di un avanzatissimo ecocardiografo che supporterà la dotazione degli ulteriori posti di terapia intensiva allestiti all’Ospedale di Guastalla per far fronte all’emergenza. Siamo particolarmente grati alla famiglia Alfieri per il riconoscimento dato all’impegno dei professionisti nel garantire un’assistenza all’altezza delle criticità emergenti”.