Anche il trattore diventa intelligente con le certificazioni made in Reggio

Primato mondiale del Laboratorio Isobus di Fondazione Rei «Passo avanti nella automazione in campo agricolo»

REGGIO EMILIA. Grande soddisfazione per il Laboratorio Isobus di Fondazione Rei che per primo nel mondo ha certificato la funzionalità Tim, Tractor Implement Management, sistema di gestione tra trattore e attrezzo che consente all’attrezzo di controllare automaticamente alcune “azioni” del trattore, in questo caso prodotto da Sdf (Same Deutz Fahr), azienda italo tedesca, specialista in trattori.

La funzionalità Tim è parte del protocollo Isobus e abilita un sistema che permette all’attrezzo di governare alcuni parametri specifici del trattore, quali: la velocità di avanzamento, in funzione della lavorazione effettuata, i distributori idraulici, la presa di forza, sollevatore e sterzo. Tale connessione avviene grazie al reciproco riconoscimento tra trattore e attrezzo tramite un sistema sicuro di chiavi.


Tim ottimizza la flessibilità delle performance delle lavorazioni in campo, abilitando operazioni di agricoltura automatiche e diminuendone la ripetitività.

«Tim è una soluzione innovativa, basata sulle procedure di Aef (Agricoltural Electronics Foundation), che segna un passo avanti nel mondo delle certificazioni Isobus e nell’automazione in campo agricolo, perché è applicabile a trattori e attrezzi multimarca» specifica l’ingegnere Simone Zamboni, Test Engineer e Lab. Technical Manager di Fondazione Rei, che ha effettuato il primo test di certificazione Tim. «Aspetto che in passato rappresentava un problema. Questo quindi amplia gli orizzonti lavorativi e collaborativi perché dimostra che l’automazione del Tim funziona plug & play, ovvero con la semplice connessione dei mezzi, indipendentemente dal costruttore. In questo ambito e contesto il laboratorio italiano di Reggio Emilia ha ottenuto il primato nella certificazione del trattore».

Il risultato è stato possibile grazie al progetto coltivato da Fondazione Rei (Reggio Emilia Innovazione), che fornisce servizi alle imprese, in particolare nei processi d’innovazione, di trasferimento tecnologico e servizi di ricerca industriale e tecnologica, grazie alle competenze e certificazioni di cui dispone. Rei si occupa della promozione della ricerca scientifica e dell’innovazione tecnologica attraverso attività nel campo delle tecnologie organizzative, produttive e di comunicazione con funzioni di ricerca, informazione, formazione e dimostrazione in conformità agli sviluppi tecnico-scientifici e giuridico-normativi dei settori interessati ai processi di innovazione. È attiva anche nella comunicazione e nella collaborazione tra mondo della ricerca, università e mondo imprenditoriale e produttivo. L’obiettivo è anche la valorizzazione delle competenze e dei risultati della ricerca attraverso attività di trasferimento tecnologico e processi innovativi, tramite competenze sia interne sia esterne. Per questo dentro Rei sono attivi servizi di consulenza e testing grazie ai laboratori accreditati, con supporto tecnico grazie ai suoi laboratori, in particolare negli ambiti di compatibilità elettromagnetica, dove gestisce una delle maggiori camere anecoiche in Italia, elettronica di potenza, sistema per l’elettronica nell’uso delle batterie, conversione energia in particolare nel settore automotive e meccatronica, fluidodinamica e oleodinamica. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA