I furbetti della ricostruzione: inchiesta delle Iene in Emilia

Reggiolo, alle 21 di mercoledì 5 marzo su Italia Uno va in onda una nuova puntata dello show. Questa volta l’inviato delle Iene ha incontrato il presidente della Regione Stefano Bonaccini

REGGIOLO. Alle 21 di mercoledì 5 marzo su Italia Uno va in onda una nuova puntata dello show “Le Iene”, e prosegue l’inchiesta dell’inviato Alessandro De Giuseppe in Emilia, sulla ricostruzione post-sisma. Lo aveva già fatto con un servizio andato in onda lo scorso dicembre ed era andato a vedere la ricostruzione nei territori terremotati della provincia di Bologna. Questa volta l’inviato delle Iene ha incontrato il presidente della Regione Stefano Bonaccini per provare a fare chiarezza sui soldi pubblici utilizzati, dal momento che, dopo il dramma del terremoto del 2012, «sembrerebbe siano stati in parecchi ad approfittarsi del disastro al fine di ottenere finanziamenti a cui non avrebbero avuto diritto o a cui avrebbero avuto diritto ma per importi decisamente inferiori», annunciano le stesse Iene in una nota.

Stavolta, le telecamere della trasmissione di Italia Uno si sono spostate sull’Alto Ferrarese e la provincia di Modena. «Abbiamo visto ruderi che prima del terremoto non erano abitati diventare palazzi, fienili diventare ville. Stimiamo in circa un miliardo di euro l’erogato non dovuto» spiega alla iena Marco Mattarelli, del comitato verifica ricostruzione. Un geometra incaricato delle pratiche per l’ottenimento dei finanziamenti ha raccontato alle Iene: «Questo cliente ha una grossa azienda agricola con diversi fabbricati. Lui voleva chiaramente ricostruire tutto quello che aveva, a prescindere che fosse danneggiato, abitato o vuoto. Quando noi gli abbiamo detto “qua non si può fare niente”, ci ha chiaramente estromesso, ha ricostruito tutto a mio avviso sulla base di dichiarazioni non veritiere».