Rissa davanti ai Musei di Reggio Emilia, spunta anche un lungo coltello

Due ragazzi sono stati aggrediti da un gruppo di bulli, di età compresa tra i 17 e i 20 anni, all'incrocio fra via Secchi e via Spallanzani. Arrivano i carabinieri, identificati e denunciati i cinque della baby gang. In fuga gli aggrediti

REGGIO EMILIA. Le recenti denunce da parte delle forze dell'ordine _ che hanno identificato e denunciato i protagonisti della rissa avvenuta prima di Natale e di altri episodi di micro criminalità _ non bastano per riportare la quiete in centro storico a Reggio Emilia, in particolare nella zona dei due teatri, piazza della Vittoria, piazza Martiri del 7 Luglio e zone limitrofe. Ne è una prova, l'ennesima, quanto accaduto nel tardo pomeriggio di sabato nei pressi dei Musei Civici, all'incrocio fra via Secchi e via Spallanzani, la strada che costeggia proprio il teatro Valli e i Musei cittadini.

Una scena da “Far West”, quella apparsa davanti agli occhi degli avventori dei locali pubblici della zona, di cui si è reso protagonista un gruppo di cinque giovanissimi nordafricani, che ha aggredito due ragazzi: probabilmente nessuno dei due ha riportato lesioni gravi (circostanza comunque da accertare nel dettaglio, in quanto le vittime sono fuggite prima dell’arrivo dei carabinieri e nessuno di loro pare essersi presentato al pronto soccorso), ma solo per un caso fortuito non si è arrivati a tragiche conseguenze.

Per motivi in corso accertamento da parte degli investigatori, il gruppo che di solito si riunisce nei pressi del cosiddetto "muretto" ha cominciato un’animata discussione con altri due ragazzi: sono volati subito manate e spintoni e, ad un certo punto, uno dei coinvolti, poi identificato per un minorenne residente in città, ha mostrato un coltello da cucina delle dimensioni di oltre 30 centimetri e l'ha puntato verso i due malcapitati.

Ciò che stava succedendo non è passato inosservato all’operatore della centrale operativa della compagnia Carabinieri di Reggio Emilia il quale, grazie alla telecamere di videosorveglianza comunali collegate con la centrale, ha visto in diretta la scena della rissa,  rendendosi conto della gravità dei fatti.

Dalla centrale operativa del 112 è partito subito l'allarme alle pattuglie in servizio in centro e i carabinieri  della stazione di Reggio Emilia Principale, coadiuvati da un equipaggio della sezione radiomobile della compagnia di Reggio e da uno della compagnia di intervento operativo del 5° Reggimento Carabinieri “Emilia Romagna”, sono arrivati sul posto.

I militari hanno subito cercato di riportare la calma, fermando ed identificando i cinque giovani aggressori, mentre gli altri due erano già spariti.

Protagonisti della vicenda sono 5 ragazzi tutti residenti in città e con un’età compresa fra i 17 ed i 20 anni, che sono stati denunciati per minaccia aggravata in concorso. Per il minorenne è scattata anche la denuncia alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Bologna per porto abusivo di coltello: durante i controlli per l’identificazione, i militari _ infatti _ hanno trovato in suo possesso un coltello da cucina della lunghezza complessiva di 32 centimetri e ben 20 centimetri di lama, immediatamente sequestrato. Non sono ancora ben chiari i motivi della discussione, ogni elemento è tutt’ora al vaglio degli investigatori.