Cervi immortalati mentre riducono il palo a uno stuzzicadenti

I cervi si grattano la testa sul palo del telefono di Vologno a Castelnovo Monti

Castelnovo Monti, l'ex cacciator Umberto Gianferrari, ora fotografo naturalista, ha catturato le immagini di un cervo che si gratta la testa sul palo 

CASTELNOVO MONTI. Sono immagini davvero curiose e straordinarie quelle catturate nei giorni scorsi da Umberto Gianferrari, per tanti anni praticante cacciatore, ora diventato cacciatore appunto di fotografie faunistiche, approcciando in modo diverso la fauna selvatica dell’Appennino.Spiega Gianferrari: «Nei pressi di Vologno, frazione di Castelnovo Monti, i cervi, maschi, femmine e piccoli, a forza di grattarsi contro un palo del telefono, lo hanno “consumato”, riducendone visibilmente il diametro e mettendolo ormai a rischio di crollo imminente».

Il cervo si gratta la testa sul palo del telefono riducendolo uno stuzzicandenti

Gianferrari non si è limitato a constatare la “consunzione” del palo, ma vi ha apposto una “fototrappola”, una macchina fotografica che si attiva con il movimento, e che è in grado di riprendere con l’uso dei raggi infrarossi anche in condizioni di buio.E la conferma di quanto aveva riscontrato non ha tardato ad arrivare: è riuscito a scattare immagini di tre cervi intenti a strofinarsi sul palo.

Il palo del telefono ridotto a uno stuzzicandenti