Anziano aggredito dalla badante armata di coltello, denunciata

La donna ha sfoderato l'arma al culmine di una lite e per difendersi l'uomo si è ferito al dorso di una mano

BRESCELLO. “Rapporti di lavoro” a dir poco burrascosi quelli tra un pensionato e la sua badante a Brescello, nella bassa reggiana. Scatti d’ira culminati dapprima con un’accesa lite e poi con una violenta aggressione che ha visto i vicini di casa intervenire per calmare la donna e chiamare i carabinieri della locale stazione che, subito intervenuti, hanno dapprima assicurato i soccorsi all’anziano e quindi ricostruito l’accaduto. 
 
Alla fine una cittadina ucraina poco più che 30enne è stata denunciata per lesioni personali aggravate. L’anziano ha riportato lesioni guaribili in 6 giorni. La badante ha addirittura usato un coltello.
 
E’ accaduto l’altra sera in una privata abitazione. L’uomo recatosi in cantina per prendere del formaggio, ha riscontrato l’ammanco di due pezzi sui 10 che aveva acquistato circostanza e ne ha chiesto conto alla badante. Una richiesta di chiarimenti culminata con un’accesa lite tra i due, che ha visto la badante armarsi di un coltello che ha brandito contro l’anziano. L’uomo nel cercare di difendersi ha riportato una lieve ferite sul dorso di una mano. 
 
Di qui l’intervento dei vicini di casa che, sentendo le urla, si sono precipitati nell’appartamento dividendo i due. È seguito l’intervento dei carabinieri di Brescello, richiesto dagli stessi vicini, che hanno assicurato i soccorsi all’anziano, un 73enne abitante a Brescello, che visitato dai sanitari dell’ospedale di Guastala dopo le cure mediche lo hanno dimesso con una prognosi di 6 giorni per un taglio al dorso di una mano.