Rubiera, dopo il braccio fratturato arrivano i cartelli “dissuasori”

Il Comune li installa negli spazi pubblici del centro per limitare le attività dannose Il sindaco Cavallaro: «Se un gioco diventa un pericolo per gli altri, è vietato»