Preso a calci e pugni mentre dorme alle ex Officine

REGGIO EMILIA. Dormiva in un giaciglio di fortuna all’interno delle ex Officine Reggiane, dove da qualche giorno aveva trovato saltuariamente riparo, non senza finire nel mirino di altri senzatetto che invece vivono abitualmente nei capannoni. Un ospite considerato indesiderato, che è stato accolto da forti malumori, sospetti e da ripetuti litigi, terminati con un’aggressione avvenuta nel cuore della notte. È quanto successo intorno alla mezzanotte fra giovedì e ieri, quando il personale della Squadra Volante della Questura di Reggio Emilia è intervenuta alle ex Reggiane per la segnalazione di una rissa in atto.. Giunti sul posto, gli agenti delle Volanti si sono trovati di fronte a un 49enne di origine marocchina, che sosteneva di aver subito calci e pugni da tre sconosciuti mentre stava dormendo.

I tre, secondo il suo racconto, lo avrebbero anche derubato di uno smartphone Huawei.


La vittima dell’aggressione non sarebbe un abituale frequentatore delle ex Officine Reggiane.

E proprio la sua presenza non gradita sarebbe stata all’origine di violenti diverbi e del successivo agguato notturno. Secondo la testimonianza raccolta dagli agenti giunti sul posto, infatti, su di lui sarebbero convogliati diversi sospetti sollevati dagli altri senzatetto per alcuni furti subiti proprio in concomitanza con la permanenza del 49enne fra i capannoni.

E sarebbe stata proprio questa la causa dell’aggressione notturna. Date le condizioni della vittima dell’aggressione, in ogni caso il personale di polizia ha richiesto l’intervento dei soccorsi del 118. Al 49enne sono state riscontrate ferite guaribili in pochi giorni.

Si tratta dell’ennesima rissa che ha come teatro le ex Officine Reggiane, dove periodicamente avvengono fatti di sangue nonostante le misure di sicurezza predisposte negli ultimi mesi attorno all’area. —

E.Spa.

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.