Vittorio Sgarbi risponde alla Chiesa reggiana: «Turpiloquio? Posso aver peccato. Ma il Papa s’immischia nella politica»

La lettera aperta inviata da Vittorio Sgarbi alla Gazzetta di Reggio in risposta alle critiche rivolte dalla diocesi di Reggio Emilia: «Amareggiato per la condanna. Preferisco chi parla di tradizione cristiana a quanti la rimuovono»