Innovazione, riaperto il Capannone 18 delle Reggiane

L''naugurazione alla presenza del presidente di Confindustria. Sette le aziende che si sono insediate con uffici e laboratori dopo un investimento di 12 milioni

REGGIO EMILIA   Il Capannone 18 (un tempo officina dove si lavoravano le lamiere per farne caldaie per locomotive) ha aperto le porte. Questa mattina, in anteprima per la stampa, sono stati presentati gli spazzi occupati da 7 aziende che hanno trasferità lì uffici e laboratori. Si tratta di Webranking, Ask\Jvc Kenwood, Studio Alfa, Bema-Elettric 80, Grasselli spa, Palomar Television & Film Production, che hanno occupato gli 8.600 metri quadri per un investimento totale di 11,9 milioni finanziati in parte da risorse pubbliche provenienti dal Ministero Infrastrutture e Trasporti – Piano Nazionale Città – e in parte da risorse private dei soggetti acquirenti.

Sempre venerdì pomeriggio, dalle ore 16.30, si svolge la presentazione a invito nel Capannone 18, quale evento di presentazione rivolto principalmente al mondo economico e della ricerca, la conversazione “Parco Innovazione: ricerca, trasferimento tecnologico, imprese per lo sviluppo economico del territorio”.

Le conclusioni, come promesso un mese fa, saranno di Vincenzo Boccia, presidente nazionale di Confindustria, che visiterà il Capannone rinnovato. Intervengono Giulio Santagata presidente Stu Reggiane spa, Luca Torri ad di Stu Reggiane spa, Ettore Rocchi presidente Iren Rinnovabili, Fabio Storchi presidente di Unindustria Reggio Emilia, Nereo Sciutto presidente Webranking.

Ex Reggiane, taglio dei nastro per sette nuove aziende innovative

APERTURA AL PUBBLICO  Il Capannone 18 delle Reggiane, nuovo elemento del Parco Innovazione di Reggio Emilia, è quindi pronto. E viene aperto alla città sabato 30 marzo, dal primo pomeriggio a sera inoltrata. I reggiani potranno visitare l’imponente edificio, con una superficie di 8.600 metri quadrati e le strutture in acciaio restaurate della prima metà del Novecento, riqualificato da Stu Reggiane spa – società pubblico-privata costituita da Comune di Reggio Emilia e Iren Rinnovabili – nell’ambito della realizzazione del programma di riqualificazione urbana Area Reggiane-Quartiere Santa Croce.

Quella di sabato 30 marzo sarà una giornata di festa nel più autentico spirito dell’Area Reggiane, luogo di attività delle storiche Officine omonime, cuore del lavoro, dell’industria e dell’innovazione tecnologica di Reggio Emilia e di primaria importanza nazionale per tutto il Novecento: vi saranno opportunità di riscoprire, in uno spazio di grande bellezza e suggestione, la storia delle Reggiane, il loro significato nell’attività industriale di un secolo e la loro nuova vocazione presente e futura – la ricerca e il trasferimento tecnologico – nel conteso del Parco Innovazione di Reggio Emilia. A conclusione della giornata, uno spettacolo di fuochi d’artificio nel cielo di Santa Croce.

Dalle ore 15 alle 20 di sabato 30 marzo dunque, apertura al pubblico del Capannone 18 e del contiguo Capannone 19, sede del Tecnopolo, riqualificato a sua volta e operativo da alcuni anni, altro luogo di grande fascino, ricco di segni storici e cuore della ricerca e del trasferimento tecnologico del Parco Innovazione, con sedi e laboratori fra l’altro di Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, Crpa-Centro ricerche produzioni animali e Fondazione Rei-Reggio Emilia Innovazione.

L’Opening ‘Capannone #18’ di sabato 30 marzo prevede aziende e laboratori aperti, narrazioni e spettacoli tra memoria e futuro, fuochi d’artificio conclusivi.

Sarà un viaggio nei Luoghi dell’Innovazione di Reggio Emilia, un’occasione da non perdere per vedere da vicino le opere realizzate e altri lavori in corso, conoscere la storia e le curiosità riguardanti gli edifici e l’imponente recupero in atto, che si va estendendo ora al vicino Capannone 17, al viale Ramazzini intercluso nell’area Reggiane, al piazzale Europa e al quartiere di Santa Croce. Si potrà scoprire quello che si fa al Parco Innovazione, tra idee, progetti, visioni di futuro, prodotti della Economia della conoscenza, scommessa per Reggio Emilia, il suo lavoro e le sue imprese.