Ferrarini, Cgil, Cisl e Uil chiedono di incontrare presto le nuove proprietà