Incidenti a raffica sulle piste Donna svenuta dopo la caduta

Interviene anche l’elisoccorso: un ragazzo in ospedale  per una sospetta frattura Soccorso anche escursionista scivolato sul ghiaccio

Ventasso. Grazie a una bella giornata, offuscata solo da poche nuvole, ieri le stazioni sciistiche reggiane, Cerreto Laghi, Febbio e Ventasso, hanno visto l’affluenza di tantissimi sciatori. E purtroppo, in mezzo a tanti, si sono verificate anche alcune cadute che hanno richiesto interventi molteplici delle squadre di soccorso, fortunatamente senza conseguenze eccessivamente gravi per chi le ha subite.

A Cerreto attorno alle 11, una donna della Lunigiana di 45 anni che stava sciando in pista ha perso il controllo degli sci, cadendo piuttosto violentemente sulla pista e battendo la testa. Fortunatamente indossava il casco, ma la violenza dell’urto le ha fatto perdere conoscenza per qualche minuto. Sono stati attivati immediatamente i soccorsi della Croce Rossa di Cerreto che si alterna nelle attività di sicurezza a bordo pista con la Croce Verde Alto Appennino. Sono intervenuti anche i carabinieri sciatori della Stazione di Collagna, ed è stato attivato l’elisoccorso da Pavullo. Visto che in quel momento dalla Nuda erano scese alcune nubi, la donna è stata caricata in ambulanza dopo essere stata stabilizzata in pista, e trasportata a Collagna dove è avvenuto il rendez vous con l’elicottero, caricata e trasportata a Reggio, ma le sue condizioni ala fine sono risultate meno gravi di quanto temuto in un primo momento.


Nella tarda mattinata, quasi all’ora di pranzo, per un’altra caduta in pista sempre a Cerreto, il personale della Croce Rossa ha caricato in ambulanza e trasportato un ragazzo al Sant’Anna di Castelnovo Monti per un sospetto di frattura alla gamba.

Elisoccorso in azione anche a Ventasso, ma non sulle piste in questo caso: un signore reggiano di circa 40 anni stava salendo lungo il sentiero che arriva alla vetta del Monte Ventasso, quando è scivolato e ha battuto la faccia sul ghiaccio.

Altri escursionisti lo hanno immediatamente soccorso, ma hanno notato che non ricordava più nulla della caduta. È arrivato quindi personale della Croce Verde Alto Appennino di Busana, che ha soccorso l’uomo, e lo ha trasportato al bar alle pendici del monte, dove poi è arrivato l’elisoccorso da Bologna. L’uomo è stato caricato e trasportato, in questo caso a Parma, ma anche per lui le condizioni fortunatamente non apparivano gravi. —

L.T.

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI