Stop barriere architettoniche: la sfida di Castelnovo Monti

Al via gli interventi per 260mila euro su via Roma, via Prampolini e le piazze. Invito ai commercianti a partecipare, coinvolto l’istituto Cattaneo-Dall’Aglio 

CASTELNOVO MONTI. Sono state illustrate, in municipio a Castelnovo Monti, le iniziative in corso e al via per incrementare l’inclusività sociale e favorire l’accessibilità al centro del paese, ai suoi spazi pubblici, ma anche ai negozi e agli esercizi attraverso l’azione “Non sono perfetto ma sono accogliente”. A illustrare il progetto, è intervenuto attraverso un collegamento video Jacopo Fo, cofondatore dell’associazione onlus “Nuovo comitato il Nobel per i disabili”, che ha ricordato Valeria Ferretti che con l’attuale amministrazione aveva collaborato ad alcune azioni di abbattimento delle barriere architettoniche. .

L’INTERVENTO DI FO

È stato proprio l’intervento di Fo ad aprire la presentazione: «L’inclusività sociale e l’attenzione alla disabilità sono temi sui quali fortunatamente sta crescendo l’attenzione della collettività, grazie anche a Comuni come quello di Castelnovo Monti che ha scelto di impegnarsi su questo tema. Muovere passi avanti anche piccoli ma concreti è la strategia più giusta: spesso progetti molto grandi e ambiziosi si trovano poi di fronte grandi ostacoli. È bello che in questo lavoro si sia scelto di ricordare Valeria Ferretti, che si era prodigata su questi temi, e di cui saluto la famiglia (presente in sala, ndr) con grande affetto».

A illustrare i dettagli del progetto è stata l’assessore Chiara Borghi. «È in fase di pubblicazione l’avviso rivolto ai negozi e agli esercizi per far parte del progetto e sono arrivate già le prime adesioni, ma sarà possibile segnalare il proprio interesse fino al 20 dicembre. Ringraziamo anche EmilBanca che ha dimostrato grande sensibilità scegliendo di sostenere il progetto. È poi - ha evidenziato - al via un primo stralcio dei lavori previsti dal Pau sul tratto di via Roma, via Prampolini, le Piazze Peretti e Martiri della Libertà, per un importo di circa 260.000 euro con un contributo regionale di 143.000 euro attraverso la Legge 41».


Daniele Corradini ha illustrato le attività previste dal progetto “Non sono perfetto, ma sono accogliente”. «Nei prossimi giorni - ha ricordato - andremo a presentarlo direttamente nei negozi ed esercizi del paese. Sono previsti servizi e benefici per gli operatori che aderiranno: consulenze gratuite da parte di un tecnico esperto sulle criticità di accesso e sulle barriere architettoniche con la collaborazione del Criba e degli studenti dell’Istituto Cattaneo - Dall’Aglio; la fornitura di un kit “negozio accogliente”, che prevede una pedana telescopica mobile e leggera o soluzioni e attrezzature per favorire l’accessibilità; la fornitura della vetrofania; pubblicità ed evidenza del proprio esercizio commerciale sul portale web “Castelnovo C’entro” e sull’applicazione smartphone».

LE COLLABORAZIONI

«Ringraziamo Iacopo Fo che è un testimone fondamentale di attenzione e sensibilità verso gli altri - sono state le parole del vicesindaco Emanuele Ferrari - Seguiamo l’esempio di Valeria che è stata di forte stimolo alla politica, segnalando quando c’erano dei problemi, ma costantemente avanzando la sua disponibilità per collaborare a superarli».

Elisabetta Arduini sul ruolo dell’Istituto Cattaneo – Dall’Aglio ha spiegato: «Abbiamo accolto subito l’invito a collaborare in particolare attraverso l’indirizzo Costruzioni, ambiente e territorio, nell’ambito delle attività di alternanza scuola – lavoro. Gli studenti delle classi terze avranno modo di partecipare a queste attività, coordinati dal professor Herman». —