"Dimentica" il fucile in un vigneto, cacciatore nei guai

Cadelbosco Sopra, la vista dell'arma abbandonata ha allarmato un passante che si è rivolto ai carabinieri. Nei guai un 70enne 

CADELBOSCO SOPRA. Ha notato un fucile semiautomatico calibro 12 posato vicino ad una pianta di vite in un vigneto delle campagne di Cadelbosco Sopra, nella bassa reggiana. Allarmato per l’accaduto ha subito segnalato al 112 dei carabinieri del comando Provinciale di Reggio Emilia l’accaduto. L’operatore in servizio alla centrale ha inviato sul posto una pattuglia dei carabinieri della stazione di Castelnovo Sotto per gli accertamenti di competenza. 
 
I militari giunti sul posto hanno effettivamente rinvenuto l’arma risultata essere di proprietà di un cacciatore che l’aveva “dimenticato”. Una condotta contraria alle norme che regolano le disposizioni in materia di custodia delle armi circostanza per cui il cacciatore, un 70enne reggiano, è stato denunciato con l’accusa di omessa custodia di armi.
 
Il fucile lasciato incustodito, è stato sequestrato dai carabinieri che al riguardo segnaleranno l’accaduto anche alla Prefettura di Reggio Emilia per l’eventuale adozione di un provvedimento di divieto di armi e munizioni ai sensi dell’art. 39 del Testo Unico delle Leggi di pubblica sicurezza. 
 
E’ accaduto l’altro pomeriggio nella campagne del comune di Cadelbosco Sopra. Un passante transitando ha notato, posato su una pianta di vite, un fucile. Prima che l’arma potesse finire in mani sbagliate l’uomo ha subito chiamato i carabinieri, intervenuti sul posto con una pattuglia della stazione di Cadelbosco Sopra. I successivi accertamenti hanno permesso di ricondurre l’arma al cacciatore che aveva dimenticato il fucile nel vigneto.