Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il vescovo Camisasca «È il tempo della paura serve fiducia e gioia»

REGGIO EMILIA«Questo è ciò di cui più abbiamo bisogno: la fiducia e la gioia. Tutto, intorno a noi, sembra congiurare contro questi due doni. Il nostro sembra il tempo della paura, talvolta motivata,...

REGGIO EMILIA

«Questo è ciò di cui più abbiamo bisogno: la fiducia e la gioia. Tutto, intorno a noi, sembra congiurare contro questi due doni. Il nostro sembra il tempo della paura, talvolta motivata, talvolta creata ad arte ed ingigantita dai mass media; il tempo del disorientamento e dell’assenza di speranza». Lo ha detto ieri il vescovo di Reggio Emilia-Guastalla Massimo Camisasca presiedendo nella Basilica della Ghiara il pontificale che dà inizio all’anno pastorale diocesano. «Anche noi ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

REGGIO EMILIA

«Questo è ciò di cui più abbiamo bisogno: la fiducia e la gioia. Tutto, intorno a noi, sembra congiurare contro questi due doni. Il nostro sembra il tempo della paura, talvolta motivata, talvolta creata ad arte ed ingigantita dai mass media; il tempo del disorientamento e dell’assenza di speranza». Lo ha detto ieri il vescovo di Reggio Emilia-Guastalla Massimo Camisasca presiedendo nella Basilica della Ghiara il pontificale che dà inizio all’anno pastorale diocesano. «Anche noi - ha detto il monsignore - possiamo venire inghiottiti da questa nebbia, da queste ombre, perdendo così il senso e l’orientamento dell’esistenza».

Camisasca ha poi detto che «stiamo assistendo a una progressiva erosione della frequenza alla messa domenicale. Le nostre celebrazioni, che vorrebbero essere più partecipate, sono spesso più deserte». Pertanto «occorre riannunciare Cristo e la fede, perché senza fede la messa è un evento ripetitivo».

Invito al digiuno

Il vescovo ha poi annunciato che una volta al mese reciterà il rosario nella cappella del vescovado. «Dopo la preghiera, al posto della cena digiunerò insieme a chi vorrà fermarsi: prenderemo un po’ di riso bollito ascoltando delle letture in silenzio. Il costo della cena lo verseremo per gli alluvionati del Kerala». —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI