Operato a Villa Salus un sopravvissuto al crollo del Ponte Morandi a Genova

Federico Cerne, fisioterapista dell’Alma Pallacanestro sottoposto a un intervento in Ortopedia a Villa Salus, a Reggio Emilia. Lunedì sera il rientro a Trieste

REGGIO EMILIA. È stato operato la settimana scorsa a Villa Salus uno dei pazienti sopravvissuti al crollo del ponte Morandi a Genova e lunedì sera gli operatori della Croce Rossa di Reggio Emilia, in supporto al Dipartimento di Emergenza Urgenza e in staffetta con l'elicottero di Parma, lo hanno trasferito all’ospedale Maggiore di Trieste dove dovrà continuare la riabilitazione.

Parliamo di Federico Cerne, 34 anni, massofisioterapista dell'Alma Pallacanestro, che il 14 agosto scorso si trovava in vacanza in Liguria con la compagna Rita Giancristofaro ad Albissola Marina (Savona), dove Cerne ha degli amici di famiglia.


Al momento dell’incidente i due triestini stavano andando a visitare l’Acquario di Genova: hanno fatto un volo di quasi cinquanta metri dal viadotto crollato a bordo della loro Golf blu.

Federico Cerne, che aveva riportato importanti fratture agli arti superiori e inferori, era stato immediatamente ricoverato all’ospedale Villa Scassi di Genova poi, una volta stabilizzato, per sua esplicita richiesta, era stato trasferito a Villa Salus. Qui è stato operato venerdì scorso dal dottor Rodolfo Rocchi, primario di Ortopedia, e dalla sua équipe. Operazione perfettamente riuscita – come ci ha confermato lo stesso dottor Rocchi – dopodiché Cerne dovrà proseguire la riabilitazione nella sua città al Maggiore di Trieste.

Ottime notizie anche per la compagna di Federico Cerne, la 41enne Rita Giancristofaro, coinvolta nell'incidente in modo ancora più pesante. La donna resta ancora nel capoluogo ligure, all'ospedale Galliera, ma nel fine settimane dovrebbe rientrare anche lei a Trieste. —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI .