Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il Comune sull’asilo «L’unica soluzione è il trasloco a Minozzo»

Il consiglio comunale ribadisce: la Iori Olmi resta chiusa Nuova protesta dei genitori, critiche anche alla parrocchia

VILLA MINOZZO

Nonostante le proposte avanzate dai genitori, l’unica ipotesi che resta in campo e sembra essere praticabile dopo la chiusura della sede della scuola materna di Villa Minozzo, resta quella di portare tutti i bambini nella scuola di Minozzo.

È quanto è emerso nella seduta di ieri del consiglio comunale, in cui il tema è stato affrontato dal sindaco Luigi Fiocchi. L’indisponibilità della Iori Olmi è stata comunicata, secondo i documenti citati anche dai genitori nel loro ultimo int ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

VILLA MINOZZO

Nonostante le proposte avanzate dai genitori, l’unica ipotesi che resta in campo e sembra essere praticabile dopo la chiusura della sede della scuola materna di Villa Minozzo, resta quella di portare tutti i bambini nella scuola di Minozzo.

È quanto è emerso nella seduta di ieri del consiglio comunale, in cui il tema è stato affrontato dal sindaco Luigi Fiocchi. L’indisponibilità della Iori Olmi è stata comunicata, secondo i documenti citati anche dai genitori nel loro ultimo intervento, all’amministrazione lo scorso 4 agosto, quando il consiglio della parrocchia, proprietaria dell’edificio, ha ufficializzato che non avrebbe più concesso la struttura in affitto al Comune per l’inagibilità della struttura.

Proprio «l’urgenza delle scelte da prendere e la mancanza di tempo per altre ipotesi concrete» è stata citata ieri dall’amministrazione come il motivo principale per cui si sta andando avanti sulla strada del trasferimento nel plesso di Minozzo di tutti i bambini. Una scelta sulla quale i genitori avevano espresso preoccupazione per gli spazi necessari per circa 50 bambini, più gli studenti che nella stessa sede frequentano le elementari, e sulla quale le famiglie nei prossimi giorni sembrano intenzionate a replicare una manifestazione in piazza come quella fatta prima di Ferragosto.

Nel corso del Consiglio c’è stato anche l’intervento critico del capogruppo di minoranza Massimiliano Coloretti: «Non credo mancasse il tempo per una soluzione alternativa, dato che nella determina presentata circa un anno fa e legata alla richiesta di finanziamenti per il progetto del nuovo polo scolastico di Villa si diceva che la sede della Iori Olmi non sarebbe più stata utilizzata. Se ci si fosse mossi per tempo, probabilmente le alternative si sarebbero trovate».

I genitori, intanto, hanno espresso il loro malcontento non solo sull’operato dell’amministrazione, ma anche sulle modalità con cui la scelta è stata presa dalla parrocchia: «Qualche anno fa – hanno scritto in una nota – la parrocchia aveva sostenuto a spada tratta il dovere e il diritto di tenere aperto l’asilo a Villa, e oggi chiude senza preavviso». —

LUCA TONDELLI

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI