Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Boretto, addio ad Albertina: è morta a 107 anni

Era la donna più anziana del paese: era nata a Brescello il 30 luglio del 1911

BORETTO. Si sono svolti i funerali di Albertina Zambini, la persona più anziana di Boretto: è morta a 107 anni, traguardo tagliato e festeggiato lo scorso 30 luglio in casa di riposo a Boretto, dov’era ospite da circa tre anni e dove è stata seguita con attenzione fino ai suoi ultimi giorni.

La notizia ha suscitato commozione in paese, dove la signora Zambini era conosciuta - non solo per il suo singolare record - e alla casa di riposo, dove era una delle figure più note.

Albertina Zambini e ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

BORETTO. Si sono svolti i funerali di Albertina Zambini, la persona più anziana di Boretto: è morta a 107 anni, traguardo tagliato e festeggiato lo scorso 30 luglio in casa di riposo a Boretto, dov’era ospite da circa tre anni e dove è stata seguita con attenzione fino ai suoi ultimi giorni.

La notizia ha suscitato commozione in paese, dove la signora Zambini era conosciuta - non solo per il suo singolare record - e alla casa di riposo, dove era una delle figure più note.

Albertina Zambini era nata a Brescello il 30 luglio del 1911 (per poi vivere molti anni a Boretto) e nonostante l'età avanzata ha mantenuto quasi sino all’ultimo una buona condizione fisica generale che, nonostante l’ausilio della sedia a rotelle, non le ha impedito di mantenere a lungo una certa vitalità e di coltivare diversi hobby. La vita di Albertina è stata ricca di vicissitudini e cambiamenti, strettamente legati agli avvenimenti storici del secolo scorso. Figlia di Annibale e Carolina, restò orfana a soli 4 anni del padre, morto nel 1915 a causa delle ferite riportate al fronte. Cresciuta con la madre e con il fratello maggiore, agli inizi del 1933 sposò Paride Muti, dal quale ebbe un figlio, Pirro. Nel 1937 la nuova famiglia emigrò in Libia, allora colonia italiana, dove Paride Muti dirigeva una grande azienda agricola. Con la fine della Seconda guerra mondiale la Libia finì sotto il protettorato inglese e i Muti-Zambini, dopo un brevissimo ritorno a Boretto, emigrarono in Argentina. Lì Albertina rimase vedova e si risposò con un anglo-argentino. Negli anni ’90, rimasta di nuovo vedova, rientrò in Italia, ricongiungendosi con la famiglia del figlio Pirro.

Lascia il figlio Pirro, la nuora Miranda, i nipoti Mauro e Marella, i pronipoti e altri parenti. Il funerale è in programma questa mattina alle 9, con partenza dalla camera mortuaria della casa di riposo di Boretto per la chiesetta, sempre all’interno della casa protetta. —

ANDREA VACCARI. BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.