Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Negli anni Sessanta morirono 4 fratellini

Nelle acque del Po il bagno si è sempre fatto. Nei tempi antichi quando le acque erano poco inquinate, nel periodo che va dagli anni Venti e agli anni Sessanta quando il fiume diventò per migliaia di...

Nelle acque del Po il bagno si è sempre fatto. Nei tempi antichi quando le acque erano poco inquinate, nel periodo che va dagli anni Venti e agli anni Sessanta quando il fiume diventò per migliaia di reggiani il mare dei poveri, e anche nei periodi di maggiore rischio quando la qualità dell'acqua, a causa dell'inquinamento, iniziò a peggiorare. Inevitabilmente, il Grande Fiume è stato anche teatro di grandi tragedie. A memoria, la più grande avvenne nell’agosto del 1969, quando a Boretto ann ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Nelle acque del Po il bagno si è sempre fatto. Nei tempi antichi quando le acque erano poco inquinate, nel periodo che va dagli anni Venti e agli anni Sessanta quando il fiume diventò per migliaia di reggiani il mare dei poveri, e anche nei periodi di maggiore rischio quando la qualità dell'acqua, a causa dell'inquinamento, iniziò a peggiorare. Inevitabilmente, il Grande Fiume è stato anche teatro di grandi tragedie. A memoria, la più grande avvenne nell’agosto del 1969, quando a Boretto annegarono i quattro fratellini Ranzini di Parma, di età compresa tra i 10 e i 15 anni, che si tuffarono per recuperare un pallone. Più recentemente, l’ultimo caso che si è segnalato a Boretto risale alla primavera dello scorso anno. A perdere la vita nelle acque del Po fu la 34enne nigeriana Bebe Brown, cantante residente a Parma che il 16 aprile 2017 si immerse per un bagno e non riuscì più a risalire. Il suo corpo venne ritrovato a qualche chilometro di distanza solo otto giorni dopo, anche lei tradita dalle acque del Grande fiume.