Noi Gazzetta di Reggio, prima tappa: una comunità di 1.500 lettori

In una settimana 1.500 lettori si sono registrati alla comunità digitale Noi Gazzetta di Reggio. Stasera l’esplorazione con Antiche Porte e Gazzetta. Il 10 agosto una sorpresa finale in compagnia di santi e streghe

REGGIO EMILIA. In una settimana 1.500 lettori si sono registrati alla comunità digitale Noi Gazzetta di Reggio. Potranno accedere alle notizie sul nostro sito; prossimamente essere destinatari di newsletter dedicate; conoscere in anticipo programmi, iniziative, proposte; iscriversi e partecipare ad eventi.

Essere quindi destinatari esclusivi (anche in anticipo) delle notizie e protagonisti della vita sociale e culturale della città.



Se provate a togliere la specificazione “digitale” e andare a ritroso nel tempo, scoprirete che questa comunità trasversale già esisteva intorno ai giornali di carta, nel contorno delle edicole, ai tempi dei quotidiani a.C., avanti Computer, prima dell’online. La comunità (membership, in anglosassone) convive e giustifica i giornali territoriali. La Gazzetta ne è l’esempio: è la proiezione di Reggio e della sua gente, ne rappresenta la voce e l’umore oltre che esserne il diario giornaliero.

Se un giornale come il nostro, con questa sua anima, smettesse di essere in connessione con la sua gente, i suoi lettori, negherebbe la sua missione, disconoscerebbe il suo particolare spirito giornalistico e pure il suo avvenire aziendale.

La Gazzetta è la Gazzetta se si riconosce nella gente, e viceversa. Ancor di più se il giornale esce dal quotidiano e produce dibattito, eventi, confronti, opportunità, al di là della carta e oltre il digitale. Dal vivo. In piazza ad esempio, come stasera, collaborando con Antiche Porte e la sua Reggio a Mezzanotte.



Quello di stasera è un esempio di come il giornale è un elemento vivo e aggregante, perché l’informazione non è solo cronaca, intervista, critica, inchiesta. Ma anche l’attivazione e la promozione decisiva del nostro essere comunità, strada, piazza, storia, geografia, tradizione, dialetto, mangiare e bere, essere reggiani.

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI