Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

È morto l’ex direttore delle Cantine Riunite Ronzoni aveva 74 anni

REGGIO EMILIA È morto improvvisamente a 74 anni Claudio Ronzoni. È accaduto venerdì sera nella sua abitazione di Sedrio, frazione di Vezzano sul Crostolo, dove abitava da qualche anno dopo avere...



REGGIO EMILIA

È morto improvvisamente a 74 anni Claudio Ronzoni. È accaduto venerdì sera nella sua abitazione di Sedrio, frazione di Vezzano sul Crostolo, dove abitava da qualche anno dopo avere passato una vita intera a Massenzatico.

Nella frazione di Vezzano, così come a Massenzatico, la notizia dell’inaspettata scomparsa ha lasciato le comunità sbigottite e affrante.

Claudio Ronzoni abitava a Sedrio da alcuni anni e si era inserito bene nella comunità vezzanese: venerdì sera si era recat ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter



REGGIO EMILIA

È morto improvvisamente a 74 anni Claudio Ronzoni. È accaduto venerdì sera nella sua abitazione di Sedrio, frazione di Vezzano sul Crostolo, dove abitava da qualche anno dopo avere passato una vita intera a Massenzatico.

Nella frazione di Vezzano, così come a Massenzatico, la notizia dell’inaspettata scomparsa ha lasciato le comunità sbigottite e affrante.

Claudio Ronzoni abitava a Sedrio da alcuni anni e si era inserito bene nella comunità vezzanese: venerdì sera si era recato al Bar Sport di Vezzano come ogni tanto soleva fare per una partita a bigliardo con gli amici. Era poi ritornato nella sua abitazione dove ha accusato un improvviso malore. I familiari hanno immediatamente allertato i soccorsi ma per lui non c’è stato nulla da fare.

Direttore generale per sette anni delle Cantine Riunite di Campegine, che negli anni della sua direzione era diventata un fiore all’occhiello della cooperazione reggiana, da tempo era in pensione.

Rimasto socio delle Riunite, fino a due anni fa si è dedicato alla sua vigna in quel di Sedrio: un paio di ettari di filari la cui uva (Cabernet) era poi conferita alla cantina di Canali che per lui imbottigliava un ottimo vino del quale andava fiero. Insomma finché ha potuto non è uscito dall'ambiente che tanto aveva amato. Tra le sue passioni anche la pesca che praticava ogni volta che poteva.

I funerali di Claudio Franzoni sono stati fissati per oggi pomeriggio alle 16,30 al Cimitero Nuovo di Coviolo, poi la salma sarà trasferita nell'area crematoria.

Franzoni lascia la moglie Gabri, le figlie Alessandra con Fabrizio, Nadia con Daniele, i nipoti Lorenzo e Valentino oltre a numerosi altri parenti. —