La ciclopedonale si allunga «Il problema è l’incuria»

Albinea, il sindaco annuncia che il percorso di Botteghe si collegherà a Puianello Ma i residenti lamentano la scarsa manutenzione e il comportamento dei ciclisti 

ALBINEA . Una ciclopedonale pronta ad estendersi fino a Puianello. È un tratto per cui si annunciano novità, e che allo stesso tempo genera malumori in alcuni abitanti, il percorso pensato per pedoni e biciclette che a Botteghe conduce sino al centro di Albinea.

Un tragitto che viaggia a lato della strada principale, abbassato rispetto alla carreggiata e spesso inserito nel verde. Molto utilizzato sia da pedoni sia da ciclisti, inserita nella fitta rete di ciclopedonali che collegano Reggio Emilia alla primissima collina reggiana.


In questo periodo è al centro di novità e di lamentele. Il tratto, annuncia il sindaco Nico Giberti, «si allungherà ancora sino a collegarsi con Puianello. È un intervento su cui stiamo lavorando come Unione dei Comuni assieme alla Provincia. Manca pochissimo per partire, aspettiamo solo una firma: permetterà di creare un percorso unico, senza interruzioni, da Albinea sino a Puianello». E alle varie diramazioni che passano per Puianello, al centro di tante direttrici non solo su asfalto: «Una volta arrivati al ponte di Puianello ci si può inserire nel circuito di Reggio che arriva sino al parco delle Caprette, sui percorsi verso i colli matildici e verso Vezzano, verso il parco della Pinetina, ad esempio».

L’intervento finale non è molto lungo, alcune centinaia di metri. L’attuale complesso ciclopedonale, una volta arrivato a Botteghe, prosegue per Puianello a nord della strada, nel quartiere artigianale, e termina vicino alla sede dell’azienda Flexbimec, non lontano da una strada già esistente che porta al Crostolo. «Questa strada si potrebbe parzialmente usare per proseguire sino al ponte di Puianello», spiega sempre Giberti.

Alcuni abitanti di Botteghe non sono però soddisfatti del tratto già esistente fra la loro frazione e Albinea: né della cura, né, soprattutto, degli utenti. «In questo percorso ci fanno di tutto, i ciclisti in particolare non rispettano nessuno, non rispettano i tratti pedonali, si comportano in modo irresponsabile», racconta un residente. «Io faccio questa strada a piedi ed è un problema. Oltre ad essere rischioso: ora meno, ma quando avevo una parente in carrozzina la portavo a spasso lì e non c’era rispetto nemmeno per lei», afferma. «Anche la manutenzione non è certo curata: soprattutto a Botteghe, mentre quando si risale verso Albinea la situazione migliora. Spero che le cose cambino, altrimenti presenterò un esposto in Procura», avvisa.

«È chiaro che quando ci sono percorsi ciclopedonali gli utenti devono rispettare il codice della strada e gli altri passanti; allargando il percorso ricorderemo il valore dell’educazione stradale. Sull’incuria possono esserci stati problemi legati al maltempo delle scorse settimane e a questa strana stagione, ma teniamo molto alle manutenzioni e siamo sempre attenti», replica il sindaco Giberti. (adr.ar.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.