Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Correggio, morto per una rissa: i carabinieri arrestano per omicidio preterintenzionale il suo aggressore

Youness Abouloufa El Idrissi, 37enne di origini marocchine, era deceduto il 5 settembre dopo un malore nella caserma dei carabinieri di corso Cairoli. Il gip dispone i domiciliari per un 33enne di origine siciliane che gli sferrò un pugnò durante una violenta lite. La rissa ricostruita grazie alle telecamere di videosorveglianza

Correggio, morto dopo l'arresto: le immagini della rissa sotto i portici

REGGIO EMILIA. La morte di Youness Abouloufa El Idrissi, 37enne di origini marocchine deceduto il 5 settembre dopo aver avuto un malore nella caserma dei carabinieri di corso Cairoli a Reggio Emilia, è sopravvenuta per effetto del trauma cranico produttivo di lacerazioni di vasi meningei riportato a seguito di lesioni per una caduta ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Correggio, morto dopo l'arresto: le immagini della rissa sotto i portici

REGGIO EMILIA. La morte di Youness Abouloufa El Idrissi, 37enne di origini marocchine deceduto il 5 settembre dopo aver avuto un malore nella caserma dei carabinieri di corso Cairoli a Reggio Emilia, è sopravvenuta per effetto del trauma cranico produttivo di lacerazioni di vasi meningei riportato a seguito di lesioni per una caduta originata da una colluttazione tra la vittima e due italiani che abitano a Correggio.

Un 33enne di origini siciliane che, sferrandogli un violento pugno al volto, lo ha fatto rovinare a terra, facendogli sbattere violentemente il cranio sul pavimento. Un'aggressione nella quale il 33enne di origine siciliane era stato aiutato da un 32enne reggiano che, nel corso della lite, aveva dato al 37enne marocchino una forte spinta al petto.

Ad accertarlo le indagini dei carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale che, pienamente condivise dalla Procura reggiana, hanno visto la pm Giulia Stignani, sostituto titolare delle indagini, richiedere ed ottenere dal Gip del tribunale di Reggio Emilia un’ordinanza di custodia cautelare in regime di arresti domiciliari a carico del 33enne, residente a Correggio, accusato del reato di concorso in omicidio preterintenzionale insieme all'altro correggese 32enne, indagato nell’ambito dello stesso procedimento penale.

Oltre alle testimonianze raccolte e agli accertamenti dei carabinieri del nucleo investigativo, fondamentali nelle indagini sono state le telecamere comunali, che hanno documentato quanto accaduto in via Roma la sera del 4 settembre 2017 prima dell’arrivo dei sanitari e dei carabinieri.

Il nordafricano era stato soccorso poco dopo le 20, a terra e privo di sensi. Complice anche l’uso smodato di bevande alcoliche, l’uomo era andato in escandescenza tanto che erano dovuti intervenire i carabinieri di Bagnolo in Piano. Le forze dell'ordine sono riuscite a convincerlo a salire in ambulanza per essere portato all’ospedale San Sebastiano di Correggio.

Una volta arrivato in ospedale, l’uomo aveva rifiutato le cure sanitarie scagliandosi contro persone e cose all’interno dell’ospedale. Alla vista dei militari, tornati in ospedale per ristabilire l’ordine, l’uomo aveva aggredito anche i carabinieri mandandone uno in ospedale. Solo l’intervento in supporto di un'altra gazzella aveva permesso di avere la meglio sull’esagitato, che era finito in manette con le accuse di resistenza, violenza a pubblico ufficiale e lesioni.

Nella tarda mattinata del giorno successivo, prima di andare in tribunale per la direttissima, il 37enne marocchino era stato colto da malore all’interno delle camere di sicurezza del comando di Corso Cairoli ed era stato soccorso dai sanitari del 118, avvisati dal militare di servizio che si era accorto del malessere.

L’uomo, dopo le prime cure praticate sul posto, era stato trasportato al Santa Maria Nuova, dove in seguito è morto. La Procura reggiana, anche alla luce degli esiti autoptici, ha quindi aperto un'inchiesta delegando per lo svolgimento delle indagini i carabinieri del nucleo investigativo, che hanno ricostruito quanto accaduto prima dell’intervento grazie anche alle telecamere comunali che hanno documentato quanto avvenuto prima dell’arrivo dei soccorsi la sera del 4 settembre.

Il 37enne aveva avuto una discussione con altre persone e, nonostante si palesasse manifestamente ubriaco, era stato prima spinto e poi colpito con un pugno in faccia tanto da farlo cadere a terra facendogli sbattere violentemente il cranio sul pavimento.

I carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Reggio Emilia nel corso delle indagini hanno identificato i responsabili dell’aggressione, che sono stati denunciati. Per il 33enne, su richiesta della Procura reggiana, il GIP del Tribunale di Reggio Emilia aveva emesso l’ordinanza di custodia cautelare in regime di arresti domiciliari che è stata eseguita dai carabinieri che hanno arrestato l’uomo.