Poviglio, giovane truffato online per un carburatore

I carabinieri rintracciano e denunciano un 24enne cosentino che si era tenuto gli 80 euro ricevuti senza spedire la merce

POVIGLIO. Grazie ad un’inserzione allettante, associata a una e-mail e una carta prepagata dove ricevere i soldi, un 24enne calabrese si è inserito in un sito internet di annunci commercializzando a prezzi assolutamente convenienti ricambi per motocicli. 
 
Quando sulla carta prepagata veniva accreditato l’importo richiesto, la truffa si materializzava: alla vendita, infatti, non corrispondeva la spedizione della merce e il 24enne bloccava il numero di telefono per essere irrintracciabile. 
 
Il 24enne cosentino è stato scoperto dai carabinieri della stazione di Poviglio, che l’hanno denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia per il reato di truffa. La vittima, un 18enne reggiano, con l’intento di fare un affare ha risposto ad un annuncio online acquistando un carburatore per la sua moto a un prezzo assolutamente conveniente. Dopo aver contattato via e-mail l’inserzionista ed aver parlato con lui telefonicamente, il 18enne ha chiuso l’acquisto versando gli 80 euro richiesti tramite bonifico sulla carta prepagata fornita dal truffatore. Il giovane reggiano, però, non ha mai ricevuto il ricambio meccanico acquistato per la sua modo. Resosi conto di essere rimasto vittima di un raggiro, si è presentato ai carabinieri di Poviglio formalizzando la denuncia per truffa. Dopo una serie di riscontri tra la e-mail associata all’inserzione, l’ip del computer utilizzato per l’annuncio e la carta prepagata dove erano confluiti i soldi, i carabinieri sono riusciti a risalire al 24enne cosentino che, nonostante la giovane età, aveva già a proprio carico una sfilza di precedenti specifici.