«Non ci sono altre criticità...»

La sequenza delle comunicazioni di Aipo e Arpae prima e dopo l’esondazione