È morta a 94 anni “la Bruna” memoria dell’antifascismo

ALBINEA. Si è spenta a 94 anni Bruna Guidetti, una donna vulcanica, il cui nome è legato alle vicende dell’antifascismo albinetano. Nata in una famiglia di socialisti, aveva sposato Giuseppe Casoni,...

ALBINEA. Si è spenta a 94 anni Bruna Guidetti, una donna vulcanica, il cui nome è legato alle vicende dell’antifascismo albinetano.

Nata in una famiglia di socialisti, aveva sposato Giuseppe Casoni, il partigiano “Brenno” che prese parte all’assalto al comando tedesco di Villa Rossi. Nel 2015 era stata premiata con una medaglia realizzata dall’Anpi in occasione del 70° anniversario della Liberazione insieme ad altri albinetani.

«In paese era semplicemente “la Bruna” – dice il sindaco Nico Giberti –. Una figura importante, per la nostra memoria collettiva e infatti oggi tutti parlavano della sua morte. La ricordiamo per i canti partigiani che amava intonare in ogni occasione, per la sua esuberanza e allegria».

Nel 2011 Bruna Guidetti fu protagonista di un vero e proprio show durante il concerto dei “Ma noi no”ad Albinea in occasione della festa della Croce Verde: prese il microfono, fece una dedica ai partigiani e poi cantò “Bella Ciao”. Un’esibizione tra gli applausi scroscianti della platea.

Era una grande appassionata di ballo liscio, tanto che ai suoi funerali ci sarà la banda e sarà suonato, come da sua volontà, “Il battagliero”.

Amava tantissimo anche raccontare barzellette. Passioni che le erano valse anche dei riconoscimenti in occasione di alcune gare.

Bracciante agricola, dopo la guerra aveva aderito all’Udi (Unione donne italiane) e al Fronte Popolare. Per questo il prete del paese l’aveva informata che per la chiesa cattolica doveva considerarsi scomunicata. «Però è stata un’antesignana del Pd - dice la figlia Claudia -. Anche perché faceva i cappelletti per la festa del Partito comunista, ma anche per quella della parrocchia».

Antifascista convinta, amava il dialogo con le giovani generazioni e il confrontarsi con tutti.

Bruna lascia le figlie Claudia e Lidia e la nipote Elisa.

I funerali si svolgeranno domani. La salma lascerà Coviolo alle 13.45 e sarà portata alla Pieve di Albinea.

«L’amministrazione comunale sarà presente ufficialmente per salutarla», dice il sindaco Giberti. (j.d.p.)