Il pentito Valerio: «Pizzo, delitti e incendi: a Reggio Emilia comandiamo»

Valerio confessa tutto: «Attentato in via Premuda perché non pagavano Abbiamo ucciso Ruggiero e appiccato incendi per intimidire gli avversari»