Dall’uscita A22 Rolo-Reggiolo alla Liguria

I governatori Bonaccini e Toti siglano un protocollo d’intesa tra le due regioni per la Tirreno-Brennero

REGGIOLO. Un nuovo collegamento fra la Brennero e la strada per la Liguria. Condurrà dall’uscita reggiana “Rolo-Reggiolo” della A22 al nuovo casello autostradale di Parma “Terre Verdiane”, creando una direttrice rapida fra la principale autostrada verso il Nord Europa e la zona portuale, industriale, turistica ligure.

Il progetto fa parte del vasto protocollo di intesa fra le Regioni Emilia Romagna e Liguria, siglato giovedì mattina a Genova dai due presidenti Stefano Bonaccini e Giovanni Toti. Da tempo si parla di un progetto chiamato Tibre, corridoio plurinodale Tirreno-Brennero, che dall’Autocisa Parma-La Spezia (il punto prescelto è Pontevivo) dovrebbe condurre sino a Nogarole Rocca, nel Veronese.

Il pacchetto comprende anche interconnessioni con la A1 e la A22, e una di queste intersezioni prevede un collegamento dal nuovo casello autostradale “Terre Verdiane”, in costruzione nei prossimi anni, e la “Rolo-Reggiolo”, unica tappa reggiana dell’AutoBrennero. La novità garantirà una nuova – e sulla carta rapida ed efficace – strada fra la Liguria, con i suoi porti sul Mediterraneo, e il cuore produttivo dell’Emilia Romagna, come i distretti ceramici e quello della Bassa fra Carpi e Correggio.

Un altro sostegno dovrebbe arrivare dall’annunciata realizzazione della bretella Campogalliano-Sassuolo, che nella pratica allungherà l’AutoBrennero sino all’area di Sassuolo, Fiorano e Casalgrande, densa di realtà produttive di primissima fascia nel settore ceramico, meccanico ed elettro-tecnico. Verrà semplificato e velocizzato il transito dalla zona ceramiche alla Brennero e pure al Tirreno, ai grandi porti di Genova e La Spezia e alle loro rotte verso la Francia, la Spagna e verso il Nord-Africa.

«Fondamentale è il capitolo infrastrutture, vero e proprio snodo strategico se si pensa che i porti di La Spezia e Genova sono importanti punti di imbarco per le merci in arrivo dal comprensorio industriale centro-emiliano e destinate all’export», sottolineano dalla Regione Emilia Romagna nel presentare la convenzione con i cugini appenninici. La Liguria è legata all’Emilia dalle montagne di Parma e Piacenza, ma pure da Reggio (che tramite il passo del Cerreto e l’autostrada della Cisa è sulle direttrici principali). Lo snodo “Rolo-Reggiolo” dovrebbe acquisire ancora più rilevanza rispetto al già prezioso ruolo odierno. Al pacchetto va aggiunto anche il collegamento fra A22 e A1 a pochi km dall’uscita di Modena Nord, che consente di immettersi anche lungo i percorsi verso la Toscana e Roma e verso il mar Adriatico. (adr.ar.)