Il M5S attacca Scarpino, Mdp lo difende

Le reazioni politiche dopo le deposizioni in aula. Dal Pd nessun commento

REGGIO EMILIA. Nella giornata di ieri non è arrivata alcuna presa di posizione da parte del Pd sulle parole di Sonia Masini. Il M5s invece, in un intervento firmato dalla deputata Maria Edera Spadoni e da Giulia Sarti, capogruppo in Commissione antimafia, parla, riferendosi a Salvatore Scarpino e Antonio Rizzo, di «deposizioni politicamente imbarazzanti».

E aggiunge: «Sembrano spaesati marziani giunti per caso sulla Terra, atterrati a Cutro e poi arrivati, sempre in astronave, a Reggio Emilia». Per il M5s «le loro deposizioni sono la cartina di tornasole delle sottovalutazioni politiche ed imprenditoriali nei confronti della criminalità organizzata di stampo mafioso che, nel frattempo, ha attecchito a Reggio come in tutta l'Emilia-Romagna».

Mdp, con una nota dell’assessore Mirko Tutino e del vicesindaco Matteo Sassi, difende invece Scarpino dalle critiche seguite alla sua deposizione. «Quando da parte dell’Aier fu avanzata all’amministrazione comunale la proposta di acquistare gli immobili invenduti delle ditte calabresi per destinarle a case popolari - dice il vicesindaco - presi una posizione ferma e netta contro la richiesta. In quella circostanza, da parte del consigliere Scarpino non vi furono pressioni o recriminazioni né verso di me né verso la giunta».