Casalgrande: i ladri rubano anche il pappagallo Paquito

L'appello dei proprietari: "E' la nostra compagnia, ci manca tanto. Restituitecelo"

CASALGRANDE. I ladri ci hanno messo la casa sottosopra e hanno sottratto monili in oro, ma quello che ci dispiace di più è che hanno rubato anche il nostro pappagallino, Paquito: facciamo un appello affinché ce lo restituiscano gli stessi ladri oppure, se qualcuno lo vede, si rivolga a noi». È questo l’accorato appello di Renzo Notari, un 68enne residente in via Canale a Sant’Antonino di Casalgrande.

Un’abitazione privata piuttosto isolata, confinante con la stazione ferroviaria e i campi, dove abitano Renzo e la moglie Livia. Una settimana fa la coppia si trovava in vacanza al mare e la casa era incustodita. Nella notte tra sabato e domenica ignoti hanno effettuato un’incursione. «I malviventi hanno tagliato le inferriate di una finestra, posta al pianterreno sul retro; una volta all’interno, hanno razziato le stanze e anche quelle al primo piano, la zona notte, dove abbiamo trovato tutti i cassetti aperti, i soprammobili per terra, gli armadi frugati». Il bottino è stato minimo. «Mancano due radioline ricetrasmittenti, del tipo walkie talkie, il fermaglio di una collana d’oro e un orologio Sector – racconta il proprietario –. Non c’era nient’altro da portare via: abbiamo già subìto due o tre furti e non teniamo più nulla di valore in casa. Il danno strutturale è quasi maggiore della refurtiva».

Casalgrande, i ladri rubano il pappagallo Paquito: "Vi prego, restituicelo"

Ad accorgersi della sgradita visita, la mattina seguente, è stato il cognato di Notari. «Mio cognato abita di fianco a noi e aveva il compito di dare da mangiare a Paquito. Domenica mattina però si è accorto che l’uccello non c’era più: la gabbia al pianterreno era vuota».

Ed è proprio questo, per la coppia di pensionati, il danno affettivo maggiore. «Paquito è un pappagallo cenerino, ce l’abbiamo da tre anni e ci siamo molto affezionati. Ha la coda rossa, l’anello di metallo nella zampa sinistra (è registrato) e “parla”, ripete bene le parole. Ci è sempre stato di grande compagnia – prosegue Notari –. Paquito vale più di mille euro: costano così i pappagalli addestrati. Non so se i ladri ce l’abbiano portato via per dispetto o perché sapevano del suo valore. Abbiamo sporto denuncia ai carabinieri, ma disperiamo di ritrovarlo. Per questo rivolgiamo un appello pubblico: se qualcuno lo trova, ce lo restituisca. Ci manca molto».