Anziano investito, aperta un’inchiesta 

La Procura apre un fascicolo sull’incidente di Gargola. Non ancora fissati i funerali dell’87enne morto al Santa Maria Nuova

VIANO . Devono ancora essere fissati i funerali di Amerigo Cilloni, l’87enne di Borgo a Visignolo investito lunedì sera davanti al bar della Gargola a Viano, lungo la fondovalle Tresinaro. Cilloni è morto martedì nel reparto di rianimazione dell’ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia, dove era ricoverato subito dopo la essere finito contro un’automobile. In un primo momento le sue condizioni non erano apparse gravissime, ma successivamente la situazione è peggiorata sino alla morte, provocata da una crisi avvenuta martedì mattina in ospedale.
L’impatto fatale è avvenuto alle 18.30 di lunedì, in un momento di maltempo che aveva abbassato fortemente la viabilità. Dopo lo scontro con una Renault Scenic, guidata da un carpinetano, è subito partito l’allarme e i soccorsi sono arrivati in pochi minuti. Come da prassi in caso di incidenti simili, è stata aperta un’inchiesta della procura del tribunale di Reggio Emilia, ed entro questa mattina la salma dovrebbe essere restituita ai famigliari che potranno poi provvedere alle esequie.
La notizia della morte ha fatto rapidamente il giro della vallata del Secchia ed in particolare del vianese. Anche se Borgo a Visignolo fa parte del territorio di Baiso, in realtà il borgo ha sempre gravitato su Viano, e questo vale anche per la famiglia Cilloni.
Lo stesso Amerigo, che ha lavorato una vita come agricoltore ed era un appassionato cacciatore, aveva i suoi riferimenti a Viano, e infatti lunedì sera era alla Gargola per salutare gli amici di una vita, che si ritrovano nel bar lungo la provinciale. Anche la sua famiglia è molto conosciuta proprio a Viano, in particolare il figlio Tiziano, elettricista che da decenni lavora proprio nel vallata del fiume Tresinaro.
©RIPRODUZIONE RISERVATA.