Il sindaco Bottazzi e Matteo Iori consegnano i marchi “Slot Free”

CASTELNOVO SOTTO. I clienti di alcuni negozi del paese avranno presto un criterio in più per scegliere dove andare a fare spesa: il marchio “Slot Free ER” applicato nelle vetrine, renderà subito...

CASTELNOVO SOTTO. I clienti di alcuni negozi del paese avranno presto un criterio in più per scegliere dove andare a fare spesa: il marchio “Slot Free ER” applicato nelle vetrine, renderà subito riconoscibili i locali pubblici che non ospitano macchinette per il gioco. Giovedì sera il sindaco Maurizio Bottazzi, assieme a Matteo Iori, presidente del centro sociale Papa Giovanni XXIII, ha infatti consegnato i primi marchi agli esercenti che hanno aderito alla campagna. Nel corso della serata, che si è svolta nella sala convegni della Pubblica Assistenza, hanno ricevuto la vetrofania da apporre in vetrina la gelateria "La vecchia strada", il ristorante "Saloon bar", il bar "Pick Tab", il ristorante "Plaza de Toros", il bar "Sherekan Cafè", la gelateria K2, il bar pasticceria "All’angolo", la gelateria "Il Caribe" e la tabaccheria "Ziveri".

È proseguita così la campagna promossa dal Comune rivolta ai titolari di esercizi commerciali che offre loro la possibilità di rendere visibile al pubblico, con la vetrofania “Slot Free ER”, la loro presa di posizione che li vede distanti da macchine o totem per il gioco on line.

L’obiettivo della campagna, infatti, è proprio quello di riuscire ad attirare all’interno dei locali che vi aderiscono, quel tipo di clientela che non ama trovarsi in contesti che incoraggiano le ludopatie: i risultati attesi, quindi, sono quelli di ridurre luoghi e occasioni di gioco depotenziandone l’attrattiva, e di innescare un circolo virtuoso sul piano della mentalità culturale. L’iniziativa è prevista dal Piano regionale per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio di dipendenza dal gioco patologico nei riguardi degli esercenti. Negli scorsi mesi l’amministrazione comunale ha condiviso appieno i contenuti e gli obiettivi della campagna, e l’ha sviluppata – attraverso i vari passaggi consiliari – con l’organizzazione di serate pubbliche e con il recepimento di una riduzione del 20% sulla Tari a beneficio di chi vi avesse aderito. Durante la serata – che ha visto presente anche la consigliera regionale Roberta Mori – Matteo Iori ha approfondito il tema della ludopatia e avviato una riflessione su chi davvero guadagna con le slot machines, pubblicizzando inoltre il vademecum “Giocatori d’azzardo patologici e servizi bancari”, realizzato dal centro Papa Giovanni in collaborazione con Bper.