Nel 2006 molestò la figlia di un’amica

GUALTIERI. L’episodio del 2006 scosse fortemente la comunità gualtierese, rimasta sgomenta davanti alle azioni dell’orco. La violenza si era consumata all'interno della cerchia più vicina alla...

GUALTIERI. L’episodio del 2006 scosse fortemente la comunità gualtierese, rimasta sgomenta davanti alle azioni dell’orco. La violenza si era consumata all'interno della cerchia più vicina alla famiglia. L’uomo era, all’epoca dei fatti, un amico di famiglia della bambina molestata sessualmente; più precisamente era il marito dell'amica della mamma della piccola. Un’amicizia, quella tra le due donne e tra la mamma e la coppia, profonda e fondata su un’estrema fiducia, tanto da arrivare ad affidare ai coniugi la propria bambina. Quell’estate la piccola più volte era stata ospitata a casa dell’uomo, ex imprenditore. Dormiva nello stesso letto della coppia amica di famiglia. Ma nel cuore della notte veniva svegliata e costretta a sottomettersi alle violenze dell’uomo che non si preoccupava neppure della presenza della moglie, che dormiva accanto. Con la minaccia di picchiarla e tenendo la piccola sotto costante intimidazione psicologica, l’uomo, allora 68enne, la costringeva a subire palpeggiamenti e a compierne a sua volta. Violenze aberranti e ripetute che avevano gettato la bambina in uno stato di disperazione e disagio, via via diventati sempre più evidenti. Fino a quando la bambina non ce l’ha più fatta e ha trovato il coraggio di parlare. Immediata è scattata la denuncia. L’uomo era stato immediatamente arrestato, preventivamente. In seguito, in attesa del processo, gli erano stati concessi gli arresti domiciliari. Poi, la condanna. (a.v.)