L’asilo più bello è nato dalle ceneri del terremoto

Guastalla, inaugurato ieri l’edificio a forma di balena L’architetto Cucinella: «Era solo un sogno, ora è realtà»

GUASTALLA. «L’architettura nasce nella mente, nei sogni. Questo edificio è nato dalla letteratura, da una storia bellissima, quella di Pinocchio, dall’episodio della balena. Oggi questo asilo non è più un sogno. È una realtà. È qui». Parole dell’architetto Mario Cucinella, che insieme al suo staff ha progettato quello che è stato definito «l’asilo più bello del mondo».

Un vanto per Guastalla e la sua comunità che, così, continua l’opera di ricostruzione post terremoto. E Cucinella ha aggiunto: «È arrivato il momento del distacco: oggi finisce il nostro lavoro. Questo edificio non è più il “mio” ma è vostro, degli insegnanti, dei bambini, delle famiglie, del Comune che continuerà a gestirlo». Cucinella ha poi omaggiato il sindaco di Guastalla Camilla Verona con un piccolo “cadeau”: la vista di Pinocchio e Geppetto nel ventre della balena .

Il nuovo asilo a balena per i bambini di Guastalla

È stata una mattinata di festa quella che si è svolta ieri in via Rosario per l’inaugurazione del nuovo asilo. Alla cerimonia sono intervenuti il sindaco di Guastalla Camilla Verona, il presidente della Provincia di Reggio Giammaria Manghi, il governatore della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, il direttore dell’azienda Servizi Bassa Reggiana Cristian Fabbi. Dopo un momento di preghiera e la benedizione del parroco di Guastalla don Alberto Nicelli c’è stato il taglio del nastro che il caso ha voluto fosse effettuato, insieme alle varie rappresentanze istituzionali regionali, provinciali e comunali, da una bimba di nome Annalisa, 3 anni, nata la notte del 29 maggio 2012, a poche ore dalle tremende scosse che hanno messo in ginocchio la bassa reggiana. Il corpo filarmonico “Bonaffini” di Guastalla si è esibito nell’inno di Mameli e nell’inno europeo. Alla cerimonia erano presenti anche i sindaci dei Comuni dell’Unione Bassa reggiana oltre ai consiglieri di maggioranza e minoranza del Comune di Guastalla e l’ex sindaco Giorgio Benaglia che, con l’ex assessore ai lavori pubblici Elisa Rodolfi, ha dato il via alla costruzione dell’asilo nido nel corso della passata legislatura.

A nome degli artisti del concerto al “Dallara” di Bologna e al concerto “I Love Emilia” che hanno fortemente contributo alla realizzazione del nuovo edificio c’era Beppe Carletti dei Nomadi.

Poi la visita all’asilo con i suoi luminosi spazi, le attrezzature, i bagni, il giardino esterno che con le sue fioriture e il suo habitat naturale, scandirà il trascorrere delle stagioni. Durante la visita un’anziana signora, accidentalmente, ha sbattuto il viso contro un vetro ed è stata soccorsa dall’ex sindaco-medico Giorgio Benaglia che le ha messo un sacchetto di ghiaccio sul naso. Poco prima dell’inaugurazione gli insegnanti, in una sorta di rito propiziatorio, si sono riuniti in cerchio alzando le mani al cielo al grido di “Olè”.