Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Bagarre in consiglio comunale l’aumento Irpef ora è realtà

CAMPEGINE. C'era il pubblico delle grandi occasioni lunedì sera, in municipio a Campegine, dove si è svolto un attesissimo consiglio comunale, nel corso del quale sono stati confermati gli aumenti...

CAMPEGINE. C'era il pubblico delle grandi occasioni lunedì sera, in municipio a Campegine, dove si è svolto un attesissimo consiglio comunale, nel corso del quale sono stati confermati gli aumenti all'aliquota Irpef decisi dall'amministrazione comunale in seguito al mancato pagamento dell'Imu da parte di Coopsette. Decine di persone hanno assiepato la sala consiliare, anche fino all'altezza delle scale, per ascoltare il dibattito su un tema molto sentito e che negli ultimi giorni ha fatto d ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

CAMPEGINE. C'era il pubblico delle grandi occasioni lunedì sera, in municipio a Campegine, dove si è svolto un attesissimo consiglio comunale, nel corso del quale sono stati confermati gli aumenti all'aliquota Irpef decisi dall'amministrazione comunale in seguito al mancato pagamento dell'Imu da parte di Coopsette. Decine di persone hanno assiepato la sala consiliare, anche fino all'altezza delle scale, per ascoltare il dibattito su un tema molto sentito e che negli ultimi giorni ha fatto discutere. La seduta è stata molto frizzante, e al termine è stato anche concesso al pubblico – in via del tutto straordinaria, in quanto non è ammesso dal regolamento comunale – di intervenire sull'argomento, non senza qualche animata discussione. Dei sette consiglieri totali, lunedì sera erano assenti per varie ragioni in tre (due della maggioranza e uno della minoranza) e dunque il bilancio e la variazione delle aliquote (oltre che dell'Irpef si discuteva anche di Tari e Tasi) è stato approvato con il voto di soli quattro consiglieri, oltre al sindaco Paolo Cervi. A rappresentare l'opposizione, Mirko Lepre di “Uniti per il cambiamento a Campegine”, che ha votato contro le proposte della maggioranza. «In questo modo – ha spiegato Lepre – si crea un precedente pericoloso in quanto ci chiediamo: cosa succederà se altre aziende andranno in crisi e non riusciranno a pagare? Non siamo di fronte a un “buco” o a un debito, ma a un mancato introito che nel giro di un anno o due dovrebbe essere recuperato. Per noi si tratta di una scelta non corretta: in questo modo, si è scelto di penalizzare la gran parte della popolazione con l'aumento dallo 0,5% allo 0,7% per le fasce più basse, mentre le fasce più alte non ne risentiranno quasi per nulla».

«Abbiamo approvato le modifiche e spiegato le ragioni degli aumenti – illustra il sindaco Paolo Cervi - riconducibili in gran parte alla situazione di Coopsette. Quando succedono certe cose si è chiamati a fare delle scelte, e in questo caso abbiamo optato per il mantenimento dei servizi: dei 180mila euro non introitati, 130mila arriveranno grazie alla modifica alle aliquote, e i restanti 50mila euro da risparmi in altre voci del bilancio». (a.v.)