Brevini, 55 anni di attività nel segno della crescita

Il presidente: "Se l’imprenditore e l’azienda si comportano onestamente, con professionalità, questi valori vengono riconosciuti da clienti e fornitori"

REGGIO EMILIA. «Indubbiamente 55 anni di attività lasciano un segno. Se l’imprenditore e l’azienda si comportano onestamente, con professionalità, questi valori vengono riconosciuti da clienti e fornitori». Così Renato Brevini, presidente del gruppo Brevini, celebra il 55esimo anniversario dell’azienda. Un’occasione per riflettere sul passato ma, prima di tutto, per guardare al futuro. Lo stile Brevini, costruito in tanti anni di continuità, è la base per la vision futura del gruppo. Sui mercati mondiali si sono alternate crisi e fasi di ripresa, ma la Brevini ha sempre guardato oltre.

Brevini, una storia lunga 55 anni

«Stiamo analizzando un nuovo progetto di crescita per linee interne – annuncia Renato Brevini – e lo abbiamo identificato con “One Brevini” perché raggrupperà tutte le nostre divisioni produttive e le nostre filiali commerciali nel mondo. Nasceranno sinergie che ci renderanno più competitivi». La Brevini conta migliaia di clienti e in centinaia di casi si tratta di clienti che lavorano con l’azienda da 40 anni. «Sapere che la famiglia Brevini rimane alla guida è un valore per i clienti. In questi anni sono arrivate offerte da investitori europei, americani e asiatici. È il segno concreto della visibilità internazionale del gruppo, ma abbiamo sempre risposto no».

Il presidente annuncia le linee guida, che nei prossimi mesi si trasformeranno nel programma finale di questo importante anniversario. Anche per il 55esimo, come tradizione, è previsto per l’autunno 2015 un evento che unirà l’annual sales meeting, sessione di lavoro dove saranno delineati i nuovi piani per tutto il gruppo, alla celebrazione dell’anniversario. Arriveranno a Reggio interlocutori e partner da tutto il mondo. Nel corso del meeting, potranno ascoltare anche la voce dei nuovi talenti della lirica. «Il nostro gruppo, che vede un fatturato consolidato 2014 di circa 412 milioni di euro, investe tra il 6 e il 7% del fatturato annuo per innovare – conclude Brevini – ma contemporaneamente abbiamo inserito e stiamo definendo l'ingresso di nuove professionalità elevate per innalzare la qualità in molte aree di attività: oggi l'investimento sulle persone è per noi più che mai strategico».