L'Assemblea dei Diritti in piazza a Correggio

Sabato al Parco della Memoria la Regione illustra i servizi del Difensore civico e dei Garanti dei detenuti e dei minori

CORREGGIO. Ci sarà anche l'Assemblea legislativa regionale, con i propri istituti di garanzia, alla Festa dei diritti in programma sabato 25 aprile a Correggio (Re) nell'ambito di "Materiale Resistente 2015", l'iniziativa promossa in occasione del 70esimo anniversario della Liberazione.

Per rispondere alle curiosità e alle richieste dei cittadini sulle attività e sulle modalità di attivazione dei servizi messi a disposizione dei cittadini dai tre organismi, al Parco della Memoria, dalle 13 alle 20, saranno presenti la Garante regionale dei detenuti, Desi Bruno, e i funzionari che operano negli uffici del Difensore civico e del Garante dell'infanzia e dell'adolescenza dell'Emilia-Romagna.


Accanto ai compiti attribuiti dalla Costituzione ai Consigli regionali - innanzitutto approvare le norme regionali – l'Assemblea legislativa promuove e sostiene i diritti delle persone e il loro riconoscimento. Grazie alle funzioni di tutela garantite da organismi indipendenti quali il Difensore civico, il Garante dei detenuti e il Garante dei minori, i cittadini possono avvalersi di servizi di consulenza, mediazione e assistenza in caso di presunte violazioni di diritti o di disfunzioni nei rapporti con enti e istituzioni, la pubblica amministrazione, fornitori di servizi.

"I casi affrontati dai garanti in questi anni, sia che si tratti di riconoscimento di veri e propri diritti disattesi sia che si tratti di casi di presunto malfunzionamento della pubblica amministrazione, come un reclamo ingiustamente respinto o una bolletta gonfiata, testimoniano del cammino intrapreso per accompagnare coloro che risiedono in Emilia-Romagna al pieno riconoscimento ed esercizio dei diritti di cittadinanza. Per questo– sottolinea la presidente dell'Assemblea legislativa, Simonetta Saliera – non c'è occasione migliore della ricorrenza del 25 Aprile per andare in piazza con le attività della 'Assemblea dei diritti': servizi a impatto diretto sui cittadini che vogliamo siano a conoscenza di tutti".

Chi sono i Garanti regionali

Il Difensore civico regionale è Gianluca Gardini. Questa figura di garanzia vigila sul buon andamento e l’imparzialità della pubblica amministrazione, secondo i criteri di legalità, trasparenza, efficienza, efficacia ed equità. L'intervento del difensore – del tutto gratuito - può essere attivato a fronte di un reclamo (ad esempio per ritardi o disservizi). Dopo avere analizzato il caso e richiesto i chiarimenti necessari, il Difensore civico esprime un parere motivato per chiarire al cittadino l’azione dell’Ente, o per suggerire all’ente una diversa soluzione. Per saperne di più e contattare il Difensore civico regionale cliccare qui

La Garante regionale per i diritti delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale è Desi Bruno. La Garante opera per assicurare la dignità e il rispetto dei diritti fondamentali della persona anche durante la privazione della libertà personale a tutti coloro che si trovano negli Istituti penitenziari, Case di lavoro, camere di sicurezza presso le forze di polizia, negli Istituti penali per i minori, nelle strutture sanitarie in quanto sottoposti a trattamento sanitario obbligatorio e in ogni altro luogo di restrizione o limitazione della libertà personale presente in regione. Per saperne di più cliccare qui.

Il Garante per l'infanzia e l'adolescenza dell’Emilia-Romagna è Luigi Fadiga. Compito di questo Istituto è quello di garantire, in conformità con quanto previsto dalla legge regionale istitutiva (L.r.13/2011) il rispetto e l’attuazione dei diritti che la Convenzione delle Nazioni Unite del 20 novembre 1989 riconosce all’infanzia e all’adolescenza. Per garantire la piena protezione dei diritti dei bambini e dei ragazzi presenti sul territorio regionale, il Garante può agire sia direttamente che dietro segnalazione da parte di soggetti terzi, comprese le persone di minore età. Per saperne di più cliccare qui.