Appiccate le fiamme alle vecchie Officine Reggiane

Per due volte nella notte i i vigili del fuoco costretti a spegnere le fiamme nei locali dove vive un popolo di sbandati

REGGIO EMILIA I vigili del fuoco sono intervenuti due volte nella notte - alle 2 e alle 5.30 - per domare incendi che erano stati appiccati nei locali delle vecchie Officine Reggiane, a Santa Croce. A bruciare erano materassi, masserizie e oggetti vari trovati negli ambienti che da tempo si trovano in una condizione di degrado assoluto.

La situazione poteva diventare molto pericolosa, dal momento che le officine e gli uffici sono occupati da una popolazione sempre più numerosa di sbandati. Il rapido intervento dei vigili del fuoco ha eliminato il rischio per le persone, tuttavia è inquietante constatare come i rischi siano sempre maggiori. Anche di recente la polizia e i carabinieri sono stati costretti a intervenire per arrestare persone che avevano trasformato quegli uffici in base per il traffico di droga.

E' probabile che il doppio incendio della notte non sia da qualificarsi come banale vandalismo ma come minaccia nei confronti di qualcuno che si è insediato nelle Reggiane, all'interno di quella che potrebbe qualificarsi come guerra fra bande per il controllo del "territorio".

La polizia è intervenuta con le Volanti per verificare l'accaduto e si attendono sviluppi nelle indagini. Intanto si accavallano le proposte per la bonifica delle Reggiane, l'ultima delle quali avanzata dal giornale di strada "Piazza Grande" che si è offerto di ripulire un pezzo storico della città ora lasciato allo sfacelo.