Esplosione nella notte, era un detonante gettato nella cassetta della posta

Paura tra i residenti di via Manzoni: il botto ha distrutto la colonnina del cancello e fatto volare mattoni e cassettina della posta a dieci metri di distanza

RUBIERA. Un'esplosione, avvenuta poco dopo l'una di notte di in via Manzoni, alla prima periferia di Rubiera, ha seminato il panico tra i residenti della zona residenziale, molti dei quali stavano già dormendo. Qualcuno ha pensato bene di accendere un detonante e di gettarlo nella cassetta della posta di una villetta a schiera, senza pensare alle possibili conseguenze dell'atto vandalico.

L'esplosione, infatti, è stata devastante: Una ventina di mattoni e il blocco in cemento che stava sopra la colonnina alla quale era attaccata la cassetta postale sono volati in mezzo alla strada, mentre la cassetta è volata _ come un proiettile _ contro la porta di casa della stessa villetta, a una distanza di quasi dieci metri.

Nonostante sia stato svegliato di soprassalto dalla deflagrazione, il padrone di casa non si era reso conto della gravità della situazione e sono stati alcuni vicini, poco dopo, a suonare al suo campanello per dirgli che l'esplosione aveva provocato ingenti danni all'ingresso della sua villetta. A quel punto il 50enne è sceso in strada e, constatati i danni, ha subito telefonato al 112, per chiedere l'intervento dei carabinieri di Rubiera.

I militari hanno subito avviato le indagini in merito al reato di danneggiamento: l'ipotesi più probabile è che ad agire siano stati alcuni vandali, probabilmente giovani in età adolescenziale, che dovevano finire le scorte di Capodanno e si sono resi protagonisti di una pesante "ragazzata" senza pensare alle possibili conseguenze.