Un vicario a capo della Coldiretti

Dopo le dimissioni di Zani arriva Tonello. Attesa per l’assemblea

REGGIO EMILIA. «A seguito delle dimissioni del presidente Marino Zani e della maggioranza dei componenti, l'assemblea provinciale della Coldiretti di Reggio Emilia, si è insediato in qualità di delegato confederale Mauro Tonello, presidente regionale e vice presidente nazionale». Con uno scarno comunicato la Coldiretti di Reggio annuncia l’arrivo di un vicario che dovrà fare le veci del presidente. Zani, infatti, si è dimesso dopo le polemiche sollevate da quasi metà dei delegati dell’assemblea. L’azione del presidente, per molti inaspettata, ha messo fuori gioco i 20 delegati che volevano chiederne la sfiducia. Insieme a Zani si sono dimessi gli altri 23 esponenti di vertice.

Il delegato nominato a livello centrale dovrà traghettare l’associazione in vista dell’assemblea durante la quale si voterà un nuovo esecutivo. Un momento decisivo data la spaccatura interna della sigla degli agricoltori, che sta attraversando una difficile fase di crisi a livello politico. Al centro della polemica c’è l’eccessiva concentrazione di poltrone nelle mani di Zani. A una parte degli associati, infatti, non è andata giù la tripla nomina di Zani, presidente oltre che dell’associazione, anche del Consorzio di bonifica dell'Emilia Centrale e vice presidente del Consorzio Agrario dell’Emilia (nato nel 2013 dalla fusione con quelli di Bologna e Modena). Le sue dimissioni hanno sparigliato il mazzo e la resa dei conti è già cominciata nelle sezioni territoriali in vista dell’assemblea provinciale.