Spadoni (M5s) restituisce allo Stato benefit per 63mila euro

Stipendio, rimborsi per taxi e diaria. In un anno  e mezzo la deputata reggiana ha fatto risparmiare una cifra considerevole finita nel fondo a sostegno delle Pmi

REGGIO EMILIA. Ha rinunciato al rimborso fortettario per taxi e trasporti pari a 17.712 euro e a  45.419 provenienti dal taglio del suo stipendio, della diaria e dei benefit non spesi. In tutto fa oltre 63mila euro, soldi che la deputata reggiana Maria Edera Spadoni (Movimento 5 stelle) ha restituito allo Stato. "Con estremo piacere desidero dettagliare meglio ai cittadini, i dati diffusi dal sito Openpolis sull'indice di produttività di ogni parlamentare - scritto in una nota la parlamentare -  Lo faccio aggiungendo anche i miei dati su quanto risparmiato e restituito sia allo Stato/Camera che al Fondo di Garanzia per la piccola e media impresa in un anno e mezzo di attività parlamentare.



Ogni dato è verificabile sulla pagina del sito della Camera dei Deputati, quello di OpenPolis e www.tirendiconto.it.  La cifra è stata accumilata in un anno e mezzo di mandato: da marzo 2013 a giugno 2014: "Ho risparmiato e restituito un totale di 63.131 euro così suddivisi: 17.712 euro sono stati risparmiati e direttamente lasciati al bilancio pubblico della Camera dei Deputati rinunciando il primo giorno da parlamentare al rimborso forfettario su taxi e trasporti cittadini pari a 1107,9 euro mese. Queste spese le rendiconto e taglio direttamente dalla mia diaria mensile senza usare questo budget aggiuntivo. Ho poi restituito al Fondo per la Riduzione del Debito Pubblico e poi al Fondo di Garanzia per le Piccole Imprese da marzo 2013 a giugno 2014 45.419 euro da taglio del mio stipendio e da diaria e benefit non spesi e rendicontati.